Mondo del volontariato in lutto, addio a Feliciano per 25 anni amico e speranza dei detenuti di Capanne

ERa presidente emerito dell’Associazione perugina di volontariato (Apv) e da sempre legatissimo all'impegno sociale della Chiesa perugina

Feliciano Ballarani, per lunghi anni animatore, presidente e segretario dell’Associazione perugina di volontariato (Apv) promossa dalla Caritas diocesana nel 1986, è tornato alla Casa del Padre nella serata del 21 dicembre dopo una lunga malattia. Le esequie saranno celebrate lunedì 23 dicembre, alle ore 10, nella chiesa parrocchiale di San Ferdinando, in via Petrarca di Perugia.

L’attuale presidente dell’Apv, prof. Mauro Roberto Cagiotti, e i volontari delle realtà caritative diocesane hanno espresso alla famiglia Ballarani "le loro più sentite condoglianze e la loro vicinanza spirituale". "Sono in molti ad aver conosciuto ed apprezzato negli anni le non comuni doti umane e cristiane di Feliciano e il suo esempio nel mettere in pratica il Vangelo del Buon samaritano insieme all’inseparabile moglie Irma. Per non pochi volontari Feliciano è stato un amico e un “maestro-formatore” nell’avvicinare le persone all’opera gratuita di volontariato accanto a detenuti e a detenute, a malati, disabili e ad anziani nelle diverse strutture di accoglienza civili e religiose della città ed anche a domicilio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Feliciano Ballarani era nato a Foligno nel 1930 e da perito elettrotecnico dipendente Enel ha lavorato a Norcia, Gualdo Tadino, Gubbio e dal 1966 a Perugia. Nel capoluogo umbro, agli inizi degli anni ’80, si è inserito con la moglie Irma nel mondo del volontariato promosso dalla Chiesa perugina attraverso la Caritas, ricoprendo gli incarichi di segretario e presidente dell’Apv. Significativa è stata la sua opera di volontario svolta ininterrottamente per oltre venticinque anni nel Carcere di Perugia e presso l’allora Casa di accoglienza Caritas per detenuti in semi libertà di Montemorcino, affiancando i coniugi Aldo e Luigina Tiriduzzi, “pionieri” del volontariato carcerario nel territorio perugino.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento