Si salvano dal terremoto ad Amatrice, raggiungono l'Umbria e ricoverano il figlio

Il piccolo è ricoverato a Terni in Pediatria sotto osservazione dopo essere stato colpito da calcinacci

Prima sono riusciti a fuggire dall'alloggio dove stavano che aveva subito danni - con tanto di crolli interni - e dopo, una volta in auto, hanno deciso di lasciare subito il paese per approdare in Umbria. Una volta raggiunta Terni hanno portato il figlio all'Ospedale che accusava dei dolori alla testa dopo essere stato colpito da pietre e calcinacci.

I protagonisti di questa storia - confermata dall'Ospedale e dalla Regione dell'Umbria - sono una famiglia (padre, madre e figlio) che si sono salvati dal sisma che ha distrutto Amatrice in provincia di Rieti. Il bollettino medico parla di lieve trauma cranico da crollo di tetto ed è al momento ricoverato in Pediatria sotto osservazione. L'ospedale di Terni ha messo a disposizione per l'emergenza 22 posti letto. Sono 45 le persone che hanno donato il sangue per i feriti del terremoto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento