Fa il pieno con il bancomat dell'ente pubblico per cui lavora, nei guai dipendente pubblico

L'uomo scoperto perché metteva il gasolio nell'auto privata, mentre quelle di servizio erano a benzina e perché non tornavano i conti del chilometraggio

Faceva il pieno per l’auto personale utilizzando le tessere dell’ente pubblico di cui è dipendente. E finisce sotto processo per peculato.

L’uomo, difeso dall’avvocato Salvatore Adorisio, è accusato di aver utilizzato le tessere dell’ente di appartenenza per fare il pieno alla propria vettura per diverse migliaia di euro di ammontare. Dimenticando un particolare: le auto di servizio erano a benzina, la sua a gasolio.

Oltre a questa discrepanza sono saltati agli occhi dell’ufficio preposto al pagamento dell’ente, anche la non corrispondenza tra il carburante acquistato e i chilometri percorsi dalle auto di servizio: o consumavano quanto una formula 1 oppure il carburante non finiva nei serbatoi.

Dopo i controlli e le verifiche è risultata essere la seconda ipotesi quella giusta. Con tanto di denuncia del dipendente.

Potrebbe interessarti

  • Igiene del letto, quante volte cambiare le lenzuola?

  • Lavastoviglie pulita e profumata, ecco i rimedi naturali

  • Invasione di formiche, come eliminarle con i rimedi naturali

  • Grande Fratello 2019, vince la concorrente umbra Martina Nasoni

I più letti della settimana

  • Quando iniziano i saldi estivi 2019, tutte le date regione per regione: il calendario completo

  • Tragico incidente stradale a Ponte Valleceppi, muore l'imprenditore perugino Massimo Bendini

  • Perugia, follia al Pronto Soccorso: familiare di un paziente aggredisce e colpisce in faccia un infermiere

  • Città di Castello, marito e moglie scomparsi: la ricerca finisce in tragedia, trovati morti

  • Incidente stradale a Castiglione del Lago, due feriti

  • Città di Castello, coppia di francesi scompare nel nulla: ricerche in corso

Torna su
PerugiaToday è in caricamento