Fa il pieno con il bancomat dell'ente pubblico per cui lavora, nei guai dipendente pubblico

L'uomo scoperto perché metteva il gasolio nell'auto privata, mentre quelle di servizio erano a benzina e perché non tornavano i conti del chilometraggio

Faceva il pieno per l’auto personale utilizzando le tessere dell’ente pubblico di cui è dipendente. E finisce sotto processo per peculato.

L’uomo, difeso dall’avvocato Salvatore Adorisio, è accusato di aver utilizzato le tessere dell’ente di appartenenza per fare il pieno alla propria vettura per diverse migliaia di euro di ammontare. Dimenticando un particolare: le auto di servizio erano a benzina, la sua a gasolio.

Oltre a questa discrepanza sono saltati agli occhi dell’ufficio preposto al pagamento dell’ente, anche la non corrispondenza tra il carburante acquistato e i chilometri percorsi dalle auto di servizio: o consumavano quanto una formula 1 oppure il carburante non finiva nei serbatoi.

Dopo i controlli e le verifiche è risultata essere la seconda ipotesi quella giusta. Con tanto di denuncia del dipendente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando il bucato non profuma: lavare e igienizzare la lavatrice

  • Ospedale di Perugia in lutto, è morta Giampiera Bistarelli: "Ha dato a tutti noi una grande lezione di vita"

  • Tragedia a Perugia, precipita dal palazzo e muore: sul posto la polizia

  • SPECIALE LAVORO Settembre in Umbria: posti per nuovo supermercato, impiegati, operai, addette alle pulizie

  • Ancora sangue sulle nostre strade, scontro tra un'auto e uno scooter: muore 44enne

  • Sbanda e finisce fuori strada con l'auto: Marcello muore a 53 anni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento