Rapinano tre ragazze sbattendole in terra e mordendole

La Polizia ha arrestato una banda di magrebini che armati di scooter hanno rapinato e ferito tre ragazze in meno di 2 ore ad Elce, Piazza Grimana e Cortonese

Andavano a caccia di ragazze giovani e sole per rapinarle del poco che avevano. Da via Cortonese, passando per Piazza Grimana fino ad arrivare ad Elce in poche ore hanno derubato tre ragazze che sono anche state ferite. I rapinatori sono tre magrebini che a bordo del loro scooter hanno terrorizzato  le vie di Perugia dalle 19 alle 21,30 del 28 febbraio. Poi sono stati arrestati nella loro abitazione dagli agenti della Volante della Questura che si erano messi subito sulle loro tracce. 

IL PRIMO RAID -  Ore 19 in Via Cortonese puntano una giovane ecuadoregna che viene sbattuta a terra, aggredita e derubata del cellulare e dei pochi contanti.

SECONDO RAID - ORE 21 n Piazza Grimana presa di mira una giovane  che viene aggredita e sbattuta in terra per strappargli di mano il cellulare.

TERZO RAID - Ore 21,15  rotonda di Elce, nei pressi della farmacia, una giovane donna rapinata del cellulare e morsa ad una mano dal rapinatore; con lei viene ferita anche una sua amica intervenuta in suo aiuto.

L'ARRESTO - Gli agenti hanno rintracciato i rapinatori in un appartamento in via Antinori dove sono “accolti” da un maghrebino con una sciabola in mano. Disarmato l’uomo, all’interno sono stati rintracciati anche altri due connazionali che avevano gli stessi caschi da motociclista corrispondenti a quelli dei rapinatori e inoltre ritrovata anche  tutta la refurtiva della serata, oltre che altri cellulari presumibilmente di vittime di analoghi episodi dei giorni scorsi. Uno dei rapinatori ha anche aggredito un poliziotto. Tutti arrestati fatta eccezione per l'unico minorenne che è stato semplicemente denunciato in stato di libertà. Ora si indaga anche su altri episodi per risalire ad altri borseggi e rapine. 

AGGIORNAMENTO - RISSA IN TRIBUNALE - I magrebini in tribunale hanno continuato nella loro follia violenta: durante il processo per direttissima hanno lanciato bottiglie e insulti contro la Polizia. Sono stati arrestati di nuovo e ora le loro imputazioni crescono maggiormente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Dramma in via Canali, donna di 49 anni trovata morta in un parcheggio

  • Incidente lungo la E45, 23enne in gravissime condizioni: è in prognosi riservata

  • Perde il controllo del ciclomotore e finisce a terra, muore a 43 anni

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento