Blitz nel covo dei pusher: soldi, droga e una pistola, tre arresti. Così gestivano le piazze dello spaccio di Perugia

Stretta della polizia sulla banda di pusher del centro cittadino, tre arresti. Gli incontri con i clienti avvenivano in via XIV Settembre, Monteluce, Porta Pesa e Ponte Rio

Immagine d'archivio

Irruzione nella base dei pusher, a Pierantonio, dove gli agenti della squadra Mobile hanno ritrovato e sequestrato 11 grammi di eroina, 27 grammi di cocaina, telefoni cellulari, bilancini di precisione e due confezioni di sostanze da taglio. Grazie agli agenti dell’antidroga e al cane Tar, il blitz nel covo del confezionamento della droga dei tre fermati –due tunisini e un marocchino – ha portato al ritrovamento anche di un telefono e di un pc e sottoposti a sequestro, poiché ritenuti con molta probabilità provento di furto. E ancora, undici foglietti manoscritti contenenti la lista dei nomi dei clienti tossicodipendenti, oltre 2mila euro in contanti, un coltello a serramanico e una pistola scacciacani,priva del tappo rosso e tre cartucce a salve.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli inquirenti sono riusciti a ricostruire il massiccio giro di spaccio dei tre nelle piazze di Perugia, fino alle ultime cessioni (a cadenza settimanale) nel settembre di quest’anno. I luoghi di incontro tra spacciatori e clienti avveniva in via XIV Settembre, largo di Porta Pesa, sottopasso di Monteluce e Ponte Rio. “La frequenza dei contatti e l’eterogeneità dei luoghi” dimostrerebbe come i due magrebini in particolare, godessero di un’ampia fetta del mercato di spaccio relativo al centro cittadino perugino, quasi da averne in mano “l’esclusiva”. Le dosi di eroina e cocaina, cedute anche a clienti ormai “fidelizzati” e la ricostruzione della loro fitta attività, hanno portato al fermo dei tre indagati, difesi dagli avvocati Cristian Giorni, Donatella Panzarola e Vincenzo Bochicchio, e che oggi saranno interrogati dal gip. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

Torna su
PerugiaToday è in caricamento