Tradito dal proprio nervosismo, viene trascinato in ospedale: trovato con la droga

L’arrestato è un soggetto “nuovo” per la Polizia di Perugia, ma annovera diversi “alias” e precedenti

Controlli serrati da parte della Squadra Mobile di Perugia. A finire in manette A.B., tunisino del 1975, trovato con 40 grammi di droga. In base alla ricostruzione dei fatti, l'uomo alla vista degli agenti, mentre si trovava all'interno di un vagone del treno, non ha saputo trattenere il nervosismo, costringendo gli operatori a fermarlo per la sua identificazione.

L'uomo, fermato privo di qualsiasi documento comprovante la propria identità, ma soprattutto essendo visibilmente agitato, è stato prelevato dal treno ed accompagnato in Questura per gli accertamenti necessari alla sua identificazione nonché per essere sottoposto ad accurata perquisizione.

Non avendo addosso nulla di illecito il maghrebino, identificato è stato accompagnato al Santa Maria della Misericordia di Perugia per essere sottoposto ad esame radiografico, il quale dava esito positivo, evidenziando la presenza, nel cavo rettale, di un corpo estraneo. A seguito dell’evacuazione dell'oggetto, è stato accertato che si trattava di un ovulo termosaldato contenente circa 40 grammi di eroina. L’uomo è stato quindi immediatamente arrestato nella flagranza del reato di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti e, d’intesa con il Pubblico Ministero di turno, accompagnato a Capanne.

Saranno i successivi sviluppi investigativi della Squadra Mobile a cercare di approfondire quale sia il reale giro di affari del tunisino, chi siano gli altri soggetti eventualmente coinvolti nel traffico nonché i suoi clienti; il punto di partenza di tale attività d’indagine è il biglietto ferroviario trovatogli in tasca all’atto della perquisizione, valido per la tratta Ancona-Perugia.

L’arrestato è un soggetto “nuovo” per la Polizia di Perugia, ma annovera diversi “alias” e precedenti a Ventimiglia, Bordighera e San Remo (violazione delle norme sull’immigrazione e spaccio di sostanze stupefacenti), Lampedusa e Linosa (ingresso illegale sul territorio nazionale), Modena e Crotone (violazione delle norme sull’immigrazione), a Genova (acquisto di cose di sospetta provenienza): un lungo percorso criminale che va dall’aprile 2001 ad oggi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Ingegneri, architetti, scienziate e statistici: i laureati che mancheranno nei prossimi anni

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

  • Gualdo e comuni limitrofi, sale la preoccupazione per i furti: mezzo sospetto, scatta il tam-tam

Torna su
PerugiaToday è in caricamento