Dal Perù al Brasile fino a Perugia con tanta cocaina nascosta nello "stomaco": perugini nei guai

Sono in fase di notifica la conclusione delle indagini (chiuse nei mesi scorsi) nei confronti di tredici indagati nell'ambito del traffico di droga e dello spaccio a Perugia. Coinvolti sia stranieri che umbri

In fiume di coca in arrivo a Perugia

Fiumi di cocaina dal Sudamerica e una piazza, Perugia, dove piazzarla. Si sono chiuse le indagini per tredici persone (alcuni dei quali perugini) in ordine al reato di spaccio e detenzione e cessione di sostanza stupefacente, importata in alcuni frequenti viaggi dal Perù, dal Brasile e dalla Costa Rica.

Un sodalizio ben organizzato, quello posto sotto la lente della giustizia, e che vede al centro quattro umbri e un uomo originario del Lazio, quali organizzatori, promotori, e corrieri dei viaggi in Sudamerica. Secondo le indagini portate avanti dal pm Mario Formisano, un perugino avrebbe organizzato i viaggi e pensato al trasporto della droga, con l’appoggio della sorella che lo avrebbe supportato nel reperire i soldi per l’acquisto della cocaina e ad organizzare – si legge sull’avviso della conclusione indagini – le ultime fasi del trasporto a Perugia. Il tutto, coadiuvato dall’aiuto degli altri tre indagati per trasportare dal Perù 489 grammi di cocaina (pura all’88 per cento) contenuti in 96 involucri e ingoiati per eludere i controlli. Ma nel novembre del 2014, all’aeroporto di Fiumicino, il corriere sarà arrestato.

Ma i viaggi della droga, secondo le indagini, sarebbero avvenuti di frequente e già nel 2008, insieme a un altro dei tredici indagati, avrebbe trasportato dal Brasile altri trecento grammi di cocaina, pronta per essere rivenduta e spacciata nelle piazze di Perugia e dell’Hinterland. Varie le cessioni di droga imputabili all’indagato dal 2008 ai clienti perugini Nel maggio del 2010, un altro carico dal Brasile arriva nel capoluogo umbro: un chilo di cocaina, mentre nell’estate del 2012, dalla Costarica il perugino, insieme ad altri complici, riesce a importare ancora la droga per poterla rivendere a terzi o a piccoli spacciatori. Nell’ottobre del 2013, ancora soggiorni in Sudamerica e ancora cocaina in viaggio verso le nostre piazze, fino a gennaio 2014.

Le indagini, allargatesi a macchia d’olio, hanno portato alla luce un giro di spaccio di cocaina, proveniente da quei “fruttuosi" viaggi in Sudamerca e altri piccoli spacciatori, in contatto fra loro.

Le lunghe indagini, che hanno interessato sia il traffico internazionale di cocaina, che le cessioni ad opera di “piccoli” pusher per hashish e marijuana nelle principali piazze dell'Umbria fino al 2015, sono chiuse e gli indagati – tredici in tutto, ora rischiano il processo. Tra il pool di legali che difendono gli indagati ci sono: Delfo Berretti, Giuseppe De Lio (Studio Brusco) e  Michele Bromuri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aste giudiziarie, l'occasione per "rifarsi" l'auto: dall'audi Q2 praticamente nuova alla Mercedes a 50 euro

  • Perugia, incendio alla Biondi recuperi: vigili del fuoco in azione, nube nera in cielo

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

  • Si schianta con la moto in superstrada e il mezzo prende fuoco, ferito motociclista

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 30 giugno: un nuovo positivo, aumentano i ricoverati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento