Scendono dal treno con un borsone pieno di marijuana, in manette coppia di fidanzati

I due, richiedenti asilo, sono stati sorpresi a Fontivegge dalla Guardia di finanza con mezzo chilo di sostanza stupefacente

Due nigeriani, un uomo e una donna, sono stati arrestati dalla guardia di finanza appena scesi dal treno alla stazione di Fontivegge di Perugia ieri sera.

I militari hanno fermato i due, fidanzati, con una borsa in cui avevano nascosto 518 grammi di marijuana (venduta a 15 euro al grammo avrebbe fruttato 7.700 euro).

Gli arrestati, difesi dall’avvocato Gaetano Figoli, sono comparsi davanti al giudice per le indagini preliminari Piercarlo Frabotta per l’udienza di convalida. L’uomo ha riconosciuto che la droga era in suo possesso ed era per uso personale. Entrambi gli arrestati sono in Italia come richiedenti asilo e in attesa del riconoscimento dello status di rifugiati. L’uomo ha già precedenti penali, nonostante sia in Italia da pochi mesi, mentre la donna è incensurata. Il giudice ha convalidato l’arresto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

  • Ponte Rio, scontro tra auto: grave un 30enne

Torna su
PerugiaToday è in caricamento