La silenziosa ascesa dell'anoressia, ricerca choc: "A 9 anni si inizia a non mangiare più"

Dalla ricerca condotta dal Ministero della Salute, particolarmente preoccupante infatti è l’abbassamento dell’età di esordio dei DCA fino a interessare la popolazione infantile con comportamenti autodistruttivi e spesso molto lesivi. Il parere e i consigli dell'esperto

Lo spettro dei disturbi del comportamento alimentare, che solo in Umbria colpisce circa 10.000 persone, sta diventando un vero e proprio dramma sociale, considerata l’insorgenza di tali malattie ben al di sotto dei 14 anni di età.

È quanto emerge da una ricerca condotta dal Ministero della Salute, in collaborazione con la Dottoressa Laura dalla Ragione (Direttore Centro DCA Palazzo Francisci USl 1 dell'Umbria Todi e  Referente scientifico del Ministero della salute per i DCA) sulla diffusione dei Disordini alimentari nell'infanzia e preadolescenza, i cui risultati sono davvero preoccupanti.

La Ricerca nazionale sui DCA adolescenziali e preadolescenziali, a cui il Ministero della salute aveva dato l’avvio nel 2012 proprio per avere informazioni più precise sul diffondersi di tali patologie anche tra i preadolescenti egli adolescenti, ha preso in esame un campione di 1380 soggetti in un età compresa tra gli otto e i 17 anni.

“Sarebbe importante fare una informazione  corretta sull'importanza di riconoscere questi disturbi precocemente e sulla necessità di garantire cure a tutte le bambine e i bambini che si ammalano  e muoiono di queste terribili patologie –spiega la dottoressa Laura Dalla Ragione -sarebbe importante anche stare vicino alle famiglie che spesso sono sole ed impotenti di fronte alla sofferenza dei loro figli. Le strutture che accolgono bambine affette da anoressia sotto i 14 anni sono pochissime , una è quella pubblica  di Todi della USL 1 dell'Umbria . Ma è necessario fare un lavoro di programmazione in modo tale che tutte le regioni abbiano la loro rete di cure”.

Dalla ricerca condotta dal Ministero della Salute, particolarmente preoccupante infatti è l’abbassamento dell’età di esordio dei DCA fino a interessare la popolazione infantile con comportamenti autodistruttivi e spesso molto lesivi. Tra i bambini affetti da DCA, prevale anche un’aumentata incidenza di altre affezioni psichiatriche come la depressione o il disturbo ossessivo compulsivo. Altre ricerche hanno dimostrato una frequente associazione tra bassa soddisfazione per il proprio corpo, altri disturbi quali, ad esempio, depressione, bassa autostima e ansia, e uso incontrollato di tabacco, alcool e di altre sostanze dannose per la salute. L’insoddisfazione corporea diffusa tra gli adolescenti e il relativo desiderio di magrezza sono evidenti nelle bambine fin dai 9 anni di età e probabilmente compaiono anche ad un’età inferiore.

Rispetto alle femmine, l’insoddisfazione corporea tra i maschi, quando presente, rispecchia soprattutto l’aspirazione ad avere un corpo più muscoloso. Tuttavia, in genere, bambine e bambini in sovrappeso sono accomunati da una profonda insoddisfazione per il proprio aspetto e dalla smania di perdere peso. Un’insoddisfazione corporea vissuta in età precoce può costituire un fattore di vulnerabilità - spesso trascurato o, comunque, sottovalutato - che può preludere all’insorgenza di un disturbo alimentare.

Le conseguenze  dei Disordini Alimentari in età precoce sono purtroppo molto gravi, la percentuale di osteoporosi con un blocco dell’accrescimento  osseo   è intorno al 43 % ,molto più alta della percentuale della stessa patologia in età adulta e tali conseguenze sono spesso irreversibili. Un  bambino che ha sofferto di anoressia nervosa a 10 anni con un conseguente blocco dell’accrescimento osseo , anche quando recupererà non avrà mai la stessa altezza che avrebbe avuto se non si fosse ammalato.

Molto alto è inoltre lo stress nella famiglia a seguito della malattia del figlio ( 68%  dei casi con livelli elevati), sintomatico di un necessario lavoro di sostegno e supporto per i familiari durante la difficile e delicata fase di gestione della malattia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La presidenza del Consiglio  dei Ministri ha messo a disposizione un Numero verde SOS Disturbi  Alimentari 800180969  per sapere a chi rivolgersi su tutto il territorio nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

Torna su
PerugiaToday è in caricamento