Discarica Borgogiglione, truffa da oltre 2 milioni di euro e gestione illecita di rifiuti: tre indagati

Truffa aggravata finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche, gestione illecita di rifiuti e violazione alle prescrizioni dell’autorizzazione integrata ambientale. Indagate tre ex figure apicali di Tsa

Truffa aggravata finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche per oltre due milioni euro, ma anche gestione illecita di rifiuti e violazione alle prescrizioni dell’autorizzazione integrata ambientale. Sono queste le ipotesi d’accusa mosse a tre vecchi amministratori, (ex) figure “apicali” della società Tsa (Trasimeno servizi ambientali) alle quali nei giorni scorsi è stato notificato l’avviso di conclusione indagini.

Già nell’inchiesta a carico di Gesenu e Tsa Spa svolta dal nucleo investigativo dei carabinieri Forestali e coordinata dalla procura di Perugia, erano emerse criticità anche sulla gestione del biogas all’interno della discarica di Borgogiglione e che hanno portato poi a svolgere ulteriori indagini e accertamenti per verificare la corretta incentivazione pubblica.

La normativa prevede infatti il recupero del biogas prodotto all’interno delle discariche per la produzione di energia elettrica e per questa attività, sono previsti degli incentivi statali oltre alla vendita dell’energia prodotta. Nella discarica di Borgogiglione sono presenti due impianti di produzione di energia elettrica da biogas, uno relativo alla vecchia discarica che gode di incentivazione e un altro relativo alla nuova discarica che non gode di incentivazione ma per cui era prevista la sola vendita dell’energia prodotta. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma dagli accertamenti svolti e secondo le prescrizioni imposte nell’atto autorizzativo e negli atti di contratto con il Gse (Il Gestore dei Servizi energetici) le due linee di captazione dovevano rimanere separate. I controlli effettuati, anche tramite i tecnici Gse hanno raccolto difformità tra quanto realizzato e quanto autorizzato, tra le quali proprio la mancata separazione delle due linee di captazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • LA LETTERA al sindaco. Ordinanza: "Non si interviene così: chi ha sbagliato paghi ma senza penalizzare noi commercianti"

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 24 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Ordinanza Umbria-Marche: via libera alla mobilità tra comuni di confine tra le due regioni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento