Chiamata bluff al 113: "Uomini armati tentano di entrare in casa", denunciato

Nella notte tra sabato e domenica gli agenti delle "Volanti" hanno denunciato L.D., un perugino del 1973 per procurato allarme. L'uomo aveva segnalato la presenza di alcuni uomini che tentavano di entrare in casa

Nella notte tra sabato e domenica gli agenti delle “Volanti” hanno denunciato L.D., perugino del 1973 per procurato allarme. In tarda serata era giunta al 113 una chiamata da parte del 39enne, che segnalava alcuni uomini armati di fucile che tentavano di accedere all’interno della sua abitazione, una casa colonica in zona Colonnetta-Montebello.

La Sala Operativa della Questura diramava l’allarme a tutti gli equipaggi sul territorio che giunti sul posto con le “Volanti”, dopo un accurato controllo del perimetro esterno dell’abitazione in questione, con la massima cautela accedevano all’interno della casa ed appuravano che il richiedente, in forte stato di agitazione, brandiva un coltello da cucina all’indirizzo di una figura immaginaria all’esterno di una persiana di legno.

Poco dopo gli operatori si rendevano conto che il richiedente versava in uno stato di profonda confusione mentale. Successivamente, l'uomo è stato convinto dagli agenti dell’inesistenza di alcun pericolo all’esterno dell’abitazione ed  L.D. veniva comunque denunciato a piede libero per procurato allarme. L’indagato si giustificava dicendo che lo stato in cui versava era probabilmente da attribuire all’uso congiunto di alcool e di farmaci antinfiammatori utilizzati per contrastare le frequenti emicranie.


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Scontro tra auto e camion sulla E45, automobilista salvo per miracolo: mezzo distrutto

  • Tragedia nel bosco, muore cacciatore: inutili i soccorsi

  • Paura sul raccordo Perugia-Bettolle, anziano a piedi nella galleria tra San Faustino e Madonna Alta

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento