Omicidio Ramazzano: niente domiciliari per le "belve"

Il Tribunale di Perugia ha respinto le richieste di attenuare la custodia cautelare nei confronti di Iulian Ghiorghita e Aurel Rosu. Vittoria della Procura

Non lasceranno il carcere di Capanne i due membri della banda autori di numerose rapina in villa e dell'uccisione di Luca Rosi a Ramazzano. Non è servito a Iulian Ghiorghita ammettere di aver violentato una donna nel corso della rapina a Resina per dimostrare di essere collaborativo e quindi meritevole di aspettare l'inizio del processo magari ai domiciliari.

Resta dietro le sbarre anche il giovane Aurel Rosu accusato di rapina armata, furto e omicidio. Agli arresti domiciliaris si erano opposti i vertici della Procura. Preso anche il terzo uomo della banca che partecipò alla tragedia di Ramazzano. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Quando Bob Dylan, a Perugia, perse l’amore

  • LA VIGNETTA di Giuseppe Pellegrini. Il Frecciarossa parte seconda: l'orario infernale!

Torna su
PerugiaToday è in caricamento