Omicidio Ramazzano: niente domiciliari per le "belve"

Il Tribunale di Perugia ha respinto le richieste di attenuare la custodia cautelare nei confronti di Iulian Ghiorghita e Aurel Rosu. Vittoria della Procura

Non lasceranno il carcere di Capanne i due membri della banda autori di numerose rapina in villa e dell'uccisione di Luca Rosi a Ramazzano. Non è servito a Iulian Ghiorghita ammettere di aver violentato una donna nel corso della rapina a Resina per dimostrare di essere collaborativo e quindi meritevole di aspettare l'inizio del processo magari ai domiciliari.

Resta dietro le sbarre anche il giovane Aurel Rosu accusato di rapina armata, furto e omicidio. Agli arresti domiciliaris si erano opposti i vertici della Procura. Preso anche il terzo uomo della banca che partecipò alla tragedia di Ramazzano. 

Potrebbe interessarti

  • Alcol denaturato, un potente disinfettante per l'igiene domestica

  • Spazzatura, come disinfettare i bidoni ed evitare il cattivo odore, specie d'estate

  • Pancia gonfia, ecco le cause e i rimedi naturali

  • Peperoncino, tutti i pro e i contro di una spezia molto amata da tanti

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale, cade dalle scale e muore a 26 anni

  • Tragedia in centro storico, ragazza di 28 anni trovata morta

  • Sostiene un esame a Medicina e precipita dalle scale dell'Ospedale: muore a soli 26 anni

  • Tragedia all'ospedale, studentessa universitaria cade dalle scale e muore

  • Investito sulla E45, il testimone: "Ho cercato di convincerlo a salire in auto, poi si è lanciato sulla strada"

  • A piedi sulla E45, travolto e ucciso da un'automobile

Torna su
PerugiaToday è in caricamento