Omicidio Ramazzano: niente domiciliari per le "belve"

Il Tribunale di Perugia ha respinto le richieste di attenuare la custodia cautelare nei confronti di Iulian Ghiorghita e Aurel Rosu. Vittoria della Procura

Non lasceranno il carcere di Capanne i due membri della banda autori di numerose rapina in villa e dell'uccisione di Luca Rosi a Ramazzano. Non è servito a Iulian Ghiorghita ammettere di aver violentato una donna nel corso della rapina a Resina per dimostrare di essere collaborativo e quindi meritevole di aspettare l'inizio del processo magari ai domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Resta dietro le sbarre anche il giovane Aurel Rosu accusato di rapina armata, furto e omicidio. Agli arresti domiciliaris si erano opposti i vertici della Procura. Preso anche il terzo uomo della banca che partecipò alla tragedia di Ramazzano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento