La primula rossa dei furti in Corso Vannucci colpisce ancora: scasso e furto in farmacia

Tra le 13 e le 14 è avvenuto un furto all'interno della farmacia Andreoli che era chiusa per la pausa pranzo. La scoperta fatta da una pattuglia della Polizia. Stessa tecnica utilizzata per altri negozi della zona. La Polizia ipotizza che ci sia un ladro seriale dietro tutti questi casi

Molto probabilmente è sempre la stessa persona, forse in compagnia di un complice che svolge il ruolo di palo, l'autore degli ultimi sei furti in centro storico. Tutti avvenuti tra Piazza della Repubblica e Corso Vannucci. Anche l'ultimo assalto di giornata è stato condotto con la medesima tecnica: non spaccata, ma porta principale forzata con un piccolo strumento da scasso, una volta dentro va diretto alla cassa per prelevare il fondo cassa. In poco più di due minuti la fuga.

Il furto alla farmacia Andreaoli, a pochi passi da Palazzo dei Priori, è avvenuto tra le 13 e le 14. Ad accorgersi che qualcosa non andava non sono stati né i molti passanti né il personale che fa orario continuato in negozi adiacenti. E' stata una pattuglia della Volante che stava facendo un giro sul corso: la porta (scorrevole) era stata aperta e dentro la farmacia non c'era nessuno.

20150220_061614-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutto il personale era fuori per la pausa pranzo dato che avrebbero riaperto intorno alle 16. I titolari sono stati immediatamente contattati: alla fine il bottino è stato di 300 euro, nessun farmaco o altro prodotto è stato rubato. Sono state rilevate tutte le impronte potenziali lasciate dal ladro. Fondamentale però stavolta sarebbe la telecamera - ad alta risoluzione - immessa sull'arco di via dei Priori. Tutte le immagini sono state richieste dalla Polizia al Comune. Alle indagini hanno collaborato anche i vigili urbani.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento