Corso Garibaldi, si masturbava davanti alle studentesse: espulso e rispedito Casablanca

L'Ufficio Immigrazione ha notificato sette espulsioni nelle ultime ore. Tra cui quella di pericoloso straniero che per settimane ha terrorizzato alcune ragazze con molestie e atti osceni. Era stato già espulso nel marzo scorso, ma si era resto irreperibile

Un marocchino di 35 anni ha terrorizzato e seguito alcune studentesse per settimane. Era solito appostarsi sotto le loro abitazione oppure le rincorreva sempre mostrando i genitali e in alcuni casi masturbandosi davanti a loro. Per questo è stato denunciato nell'ottobre scorso per atti osceni in luogo pubblico. Ora però è stato accompagnato a Fiumicino e fatto imbarcare su un volo per Casablanca.

L'uomo era stato rintracciato dai Carabinieri dopo che aveva ignorato il primo decreto di espulsione che prevedeva il suo espatrio nel marzo scorso. Nello stesso giorno sono stati espulsi altri sei stranieri tra pregiudicati, clandestini e pericolosi socialmente. Si tratta in particolare di 5 tunisini. L'ultimo rintracciato dalla Polizia Provinciale nel corso dei servizi di prevenzione effettuati in Piazza Grimana in prossimità della sede della Università per Stranieri.

Potrebbe interessarti

  • Laghi dell'Umbria, quelli balneabili e quelli dove godersi la natura

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • Infarto, quando si presenta e come intervenire

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

I più letti della settimana

  • Travolta da un'onda e sbattuta contro lo scoglio: Sofia muore a 22 anni

  • Perugia, tragedia lungo la strada: inutili i soccorsi, muore a 48 anni

  • Don Matteo torna a Spoleto e gli albergatori chiedono il conto al Comune

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Magione, incidente stradale tra tre auto a Montebuono: due feriti

  • La favola di Ferragosto: mamma Cristina e il piccolo Lorenzo più forti delle complicazioni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento