Ondata di furti al Trasimeno, Sindaci schierati contro ladri e criminalità: scatta il “Controllo di vicinato”

Il progetto è stato presentato nel corso di un’assemblea convocata dalle amministrazioni di Panicale e Piegaro e rivolta ai cittadini della Valnestore

Immagine d'archivio

Dopo l’ondata di furti che ha interessato alcune zone del Trasimeno nel mese di dicembre, a ridosso delle festività natalizie, i Comuni di Panicale e Piegaro hanno deciso di unire le forze per nuove e possibili azioni di collaborazione tra cittadini e forze dell’ordine, il “Controllo di vicinato”.

 Il progetto è stato posto all’attenzione dei cittadini della Valnestore nel corso di una riunione pubblica del 18 dicembre e che ha visto la partecipazione di circa 200 persone. E proprio nel corso dell’assemblea che i due sindaci Giulio Cherubini e Roberto Ferricelli hanno sottolineato come “il momento sia eccezionale e va affrontato in maniera congiunta, partecipata e integrata”.

Ladri scatenati, furti nelle case al Trasimeno. Il sindaco: "Auto sospetta, segnalate sempre"

Cittadini sentinella e collaborazione con le forze dell’ordine per denunciare e segnalare situazioni sospette. E’ questo l’incipit del progetto di “Controllo di vicinato” che prevede la sottoscrizione di un protocollo con la Prefettura che si impegna ad offrire al Comune supporto nell’elaborazione ed attuazione del Progetto, anche attraverso apposite riunioni del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica; a promuovere la partecipazione di rappresentanti delle Forze di Polizia agli incontri. Ma anche a favorire la creazione di un rapporto costante e diretto da parte delle Forze dell’Ordine con i Coordinatori del Progetto.

Controllo di vicinato, il progetto diventa operativo. Attivati i gruppi nelle frazioni: ecco dove

Già partito in altre città umbre, il Controllo del vicinato aiuta dunque a monitorare il proprio territorio contro ladri e criminalità, il Comune, sottoscrivendo il protocollo, si impegna (tra le altre cose) a sensibilizzare i cittadini di una zona definita, nella quale è sentita l’esigenza di maggiori controlli, favorendo la costituzione di “una rete”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 “Prima del 18 dicembre – ha sottolineato il sindaco Cherubini – i furti in questo territorio erano un evento molto raro, anche grazie al lavoro compiuto dalle forze dell’ordine. E’ un momento di emergenza che vogliamo affrontare in modo congiunto e partecipato”. “Siamo di fronte – ha dichiarato Ferricelli – ad una comunità ferita ed arrabbiata. Le proposte che facciamo questa sera sono per sfruttare al massimo la grande reazione che questo territorio sta mettendo in campo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

Torna su
PerugiaToday è in caricamento