Vacanze sicure, i dati della Polizia sui controlli in Umbria sullo stato di usura delle gomme: occhio alle multe

Spesso molti automobilisti tendono a sottovalutare lo stato  di usura  delle gomme che, invece, è opportuno ricordare, sono l’unico punto di contatto della nostra automobile con la strada...

Anche quest’anno il progetto vacanze sicure promosso da Assogomma, l’associazione che riunisce i costruttori di pneumatici,  in collaborazione con la Polizia Stradale ha coinvolto l’Umbria che, assieme ad altre sei regioni italiane, è stata oggetto dei controlli svolti dalla polstrada sullo stato di efficienza degli pneumatici. Spesso molti automobilisti tendono a sottovalutare lo stato  di usura  delle gomme che, invece, è opportuno ricordare, sono l’unico punto di contatto della nostra automobile con la strada. I controlli effettuati dalla Polizia Stradale sulle strade dell’Umbria sono stati in totale 729 ed hanno riguardato innanzitutto  lo stato di usura degli pneumatici (limite minimo  del battistrada di1,6 mm), ma anche la conformità rispetto alla carta di circolazione, eventuali danneggiamenti, il corretto utilizzo (invernale-estivo). 

La percentuale delle irregolarità rilevate rispetto all'usura  è stata  del 7,96 % con un miglioramento di due punti percentuali rispetto agli analoghi controlli svolti nel 2018 quando la percentuale delle irregolarità riscontrate era stata dell’8,8%..Un dato che evidenzia come, a distanza di un anno,  gli automobilisti umbri abbiano posto maggiore attenzione allo stato di salute degli pneumatici, elemento fondamentale per la sicurezza di marcia sulla strada. Prendendo in esame gli altri dati riguardanti la regione rileviamo come, rispetto al 2018, sia calata dal 3,87% al 3,83% la percentuale delle vetture con pneumatici non omogenei, dove per equipaggiamento non omogeneo si intende il montaggio di pneumatici di marche o modelli diversi sullo stesso asse, come pure l’impiego di 2 gomme estive generalmente sull’asse posteriore e due gomme invernali all’anteriore, sulla trazione., mentre la percentuale delle auto con pneumatici danneggiati è del 5,8%. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I dati generali dei controlli effettuati nelle sette regioni evidenziano comunque come gli automobilisti umbri siano tra i più virtuosi soprattutto per quanto riguarda la percentuale di pneumatici lisci che nel computo generale arriva a toccare una media del 9%, con picchi di oltre il 20% in alcune Province. Per quanto riguarda il nostro territorio si evince comunque che, dove i controlli sono stati ripetuti a distanza di un anno, lo stato delle gomme è risultato nettamente migliore: segno che la sensibilizzazione su larga scala, operata attraverso i controlli su strada, ha un effetto positivo sulla circolazione stradale a tutto vantaggio della sicurezza.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 12 luglio: due nuovi positivi, aumentano gli isolamenti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento