Controlli antiprostituzione Pantano: due lucciole accompagnate al Cie

Continuano i servizi di controllo ad alto impatto, disposti dal Questore Nicolò D'Angelo sul territorio perugino. Individuate due lucciole nella zona del Pantano. Saranno rimpatriate nei prossimi giorni

Proseguono in città i servizi straordinari di controllo del territorio ad “alto impatto”, disposti dal Questore Nicolò D’Angelo ed attuati dalle “Volanti” con l’ausilio dei Reparti Prevenzione Crimine “Abruzzo” , “Toscana” e “Lazio”, inviati di rinforzo dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza.

Nell’ambito dei servizi antiprostituzione sono state rintracciate, dopo un breve inseguimento, due giovani nigeriane dedite alla prostituzione che alla vista della polizia si sono dileguate nei campi vicini.

Dopo gli atti di rito A.F., del ’82  e O. E. dell’83, che da tempo esercitano la prostituzione proprio in quell’area sono state accompagnate ad un C.I.E. da dove saranno rimpatriate nei prossimi giorni.

Ma la polizia, oltre che assicurare un capillare controllo sulle lucciole, ha effettuato un giro di vite anche neel Centro Storico e sulla zona della Stazione, dove complessivamente sono stati controllati 7 esercizi pubblici e 210 persone, di cui 16 condotte in Questura per accertamenti.

Inoltre, l’Ufficio Immigrazione ha provveduto ad espellere un cittadino tunisino clandestino; altri due clandestini tunisini che non hanno ottemperato all’Ordine di lasciare il Territorio Nazionale sono stati segnalati alla A.G.



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boato nella notte, salta in aria la vetrina del negozio di Acqua&Sapone di Madonna Alta

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Pranzo della Comunione per 60 persone, ma nessuno paga il conto: nonno sotto processo

  • Schianto in galleria: grave una mamma, ferite lievi per i figli che viaggiavano con lei

  • Umbria, dal fiume Nera riemerge un cadavere: indagini in corso

  • Schianto tra una moto e una bicicletta: ciclista muore in ospedale

Torna su
PerugiaToday è in caricamento