Minaccia di morte un cacciatore e gli distrugge l'auto a bastonate: condannato agricoltore

Le accuse vanno dalle minacce al danneggiamento. Il giudice ha condannato l'imputato a quattro mesi

Quattro mesi di reclusione (pena sospesa) per minacce e danneggiamento. E' stato condannato questa mattina dal giudice Grimaccia un agricoltore per aver minacciato di morte e colpito con un bastone il parabrezza dell'auto di un cacciatore che in quel momento stava transitando a bordo della Jepp lungo una strada di Montone per arrivare nel sentiero di caccia.I fatti risalgono al 2012: secondo il capo d'imputazione l'imputato - difeso dall'avvocato Brozzetti - avrebbe sbarrato la strada al cacciatore ostruendogli il passaggio e urlandogli più volte e con inistenza di andare a chiudere il cancello che delimitava il terreno privato. A quel punto avrebbe brandito un bastone lungo meno di un metro minacciandolo di morte e colpendo il parabrezza dell'auto, distruggendolo. Da lì la denuncia e il conseguente processo penale che dopo sette anni si è chiuso con una sentenza di condanna. Assolto invece dall'accusa di violenza privata. Il cacciatore si è costituito parte civile con l'avvocato Eugenio Zaganelli, il danno invece è stato risarcito. 

Potrebbe interessarti

  • Alcol denaturato, un potente disinfettante per l'igiene domestica

  • Spazzatura, come disinfettare i bidoni ed evitare il cattivo odore, specie d'estate

  • Peperoncino, tutti i pro e i contro di una spezia molto amata da tanti

  • Mai in frigorifero: i cibi che si conservano altrove

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale, cade dalle scale e muore a 26 anni

  • Tragedia in centro storico, ragazza di 28 anni trovata morta

  • Tragedia all'ospedale, studentessa universitaria cade dalle scale e muore

  • Sostiene un esame a Medicina e precipita dalle scale dell'Ospedale: muore a soli 26 anni

  • Investito sulla E45, il testimone: "Ho cercato di convincerlo a salire in auto, poi si è lanciato sulla strada"

  • A piedi sulla E45, travolto e ucciso da un'automobile

Torna su
PerugiaToday è in caricamento