Inchiesta sanità - Libertà e giudizio immediato per Bocci, Duca e Valorosi

Il gip Valerio D'Andria ha firmato la richiesta della Procura per il processo immediato e ha scarcerato i tre indagati ai domiciliari dal 12 aprile

Giudizio immediato per Gianpiero Bocci, Emilio Duca e Maurizio Valorosi. Il gip Valerio D’Andria ha accolto la richiesta avanzata dalla Procura perugina di processare immediatamente i tre indagati nell’inchiesta sui concorsi nella sanità regionale. 

Inchiesta sanità, indagato il primario di Otorinolaringoiatria

Il gip ha anche firmato per la remissione in libertà dell’ex sottosegretario agli Interni, dell’ex dg dell’ospedale e del direttore amministrativo, agli arresti domiciliari dal 12 aprile scorso. I tre indagati sono difesi dagli avvocati David Brunelli, Francesco Falcinelli e Francesco Crisi. 

In aula il 22 ottobre davanti ai giudici in formazione collegiale.

Inchiesta Sanità, i giudici del Riesame: "Faleburle non ha tentato di corrompere Duca". Annullata l'interdittiva

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Mi ha ridotto così divertendosi": Caterina denunciando tutto è riemersa dall'abisso: massacrata ma viva

  • Si perde nella palude per inseguire un animale, cane salvato dai vigili del fuoco

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

  • Gualdo e comuni limitrofi, sale la preoccupazione per i furti: mezzo sospetto, scatta il tam-tam

  • Scontro tra bus e auto, un ferito a Todi

  • Malattie sessualmente trasmissibili e psoriasi, dermatologi a Perugia: "In aumento i casi, tutti i rischi"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento