Inchiesta sanità - La scelta dei candidati tra raccomandazioni e valutazioni mentali: "quello è schizzato"

Gli stessi indagati sembrano rendersi conto di quanto stiano facendo. "Panorama desolante sul reclutamento del personale dell’Azienda ospedaliera di Perugia"

Il mercato dei concorsi aveva raggiunto un livello così intenso che gli stessi accusati di gestirlo iniziavano ad avere dubbi e mostravano malumore alle continue pressioni e segnalazioni.

Mentre si prepara il concorso per primario anestesista, ad esempio, Duca mostra insofferenza verso il Palazzo, anche di fronte al fatto che non sempre le persone indicate siano validi professionisti. 

Inchiesta sanità - Le intercettazioni, strategie a tavolino per stabilizzare candidati e promuovere l'assegnista universitario 
Inchiesta sanità - Le intercettazioni, dai concorsi alle nomine, tutti i sospetti di investigatori e indagati

Duca: “ma dove andiamo! Ma, dove cazzo andiamo! Ma non lo senti come è ... il mondo fuori? Ma questi che cosa ascoltano, chiusi dentro le stanze del palazzo”.

Tamagnini: “figurati comunque sia … che ... sono fuori tutti e due eh”.

Duca: “ma questo lo decidono loro, io non voglio considerare”.

Tamagnini: “va sotto, guardiamo solo Perugia, tocca togliere 5 punti ma sono ammessi”.

Poi si soffermano a parlare delle capacità di alcuni candidati.

Duca: “io non...cioè vedo ci sono diversi non ammessi, per me non … è nostro?”.

Tamagnini: “sì”.

E poi l’uscita “lombrosiana”.

Duca: “ma chi è sto …?”.

Tamagnini: è quello piccolino con gli occhiali schizzato”.

Sulla stessa linea anche quando si tratta di valutare il professor Nardi, giovanissimo primario a Rimini dopo 10 anni al San Camillo di Roma (e infatti verrà fatto fuori rimandando la data dell’orale all’infinito e senza poi comunicarla all’interessato).

Duca: tocca’l pigliallo co’ le molle perché Pacchiarini lui ci ha lavorato al San Camillo e ha detto ...”.

Valorosi: “ah c’ha lavorato”.

Duca: “…questo vien dal San Camillo… quindi lavora in un.. ha fatto il responsabile di Unità Operativa per parecchi anni al San Camillo, capito? Un ospedale di 1300 letti, non è che dici arriva… da 2 anni è diventato primario ta n’antro ospedale… capisc… c’ha anche un bel curriculum, però può darsi pure ch’è matto ... comunque.. ‘n posso porta’ un de fori …”.

Valorosi: “… quell’altro c’ha una logica, perché dice: “ho lavorato qui per tanti anni, sono andato a Castello… vado a Castello e ritorno… uno che è fuori, del San Camillo”.

E proseguono.

Duca: “se semo trovati d'accordo sulla ... e su tutto il resto... c’emo fatto la guerra... cioè… emo fatto la guerra… m’han rotto i c... Rispetto a sta cosa l'assessore secondo me non ha... cioè l'assessore... sicuramente non dovemo portà nessuno da fuori Umbria diciamo tra virgolette quindi se se presenta quel de Roma... tant'è che me tocca proprio abbassaglie un punto”.

Pacchiarini: “però non è facile Emì ... comunque non sarà facile. Cioè no ... il punto sì ... ma ad uno e mezzo ... l'ho già guardato ... non è qui il problema ... però, speram che ‘n viene … perché io so che sta bene. Lassù se diverte. Gli piace la f... e Rimini è Rimini quindi va bene”.

“Una volta deciso il vincitore, Duca detta a Pacchiarini gli argomenti da affrontare nel corso del colloquio, evidenziando quelli più favorevoli a Gori rispetto alla dottoressa Tesoro” scrivono i pm.

Duca: “a quindi l’email, il budget, la live organization.. ad esempio questo tema della leadership per esempio visto che noi lo rimarchiamo sul ruolo della leadership dentro appunto al governo della Struttura Complessa e.. poi… ti dicevo anche il discorso privacy t’a lei gli ho detto anche questo tema de … del consenso informato, privacy, eccetera.. e qualcosa sul …per esempio…che è un po’ un aspetto tra filtri organizzativi e il discorso del risk management dentro a …”.

Poi parlano di leadership e lean organization, “l’altra roba sull’accreditamento … però sugli standard in pratica, se c’ha i requisiti standard e organizzativi, organizzazione dell’orario di lavoro … questi un po’ gli scenari su quale muoversi, potrebbe valutare tutti …”.

La dottoressa Tesoro, sentita dai pm, conferma “a malincuore” di sapere che “non sarei stata la vincitrice del concorso in quanto era risaputo, era di dominio pubblico il fatto che avrebbe vinto il dr. Gori. Questa sensazione era forse avvalorata anche dal fatto che aveva più anni di carriera quindi più conosciuto nell’ambiente ospedaliero e comunque era risaputo che avesse le spalle coperte, così come effettivamente accaduto anche in altri concorsi in precedenza che mi hanno vista partecipare e arrivare sempre dopo il dr. Gori …”.

Dall’inchiesta pare emergere in maniera dirompente come i medici che il dg ha interesse a stabilizzare – ricostruisce la magistratura – pilotando la procedura concorsuale siano stati assunti a tempo determinato attraverso sì, la valutazione di titoli e un colloquio, ma con la massima discrezionalità.

Scrivono i pm: “lo stesso Duca ci offre, nella sua esposizione a Gori (vincitore del concorso per l’incarico di Direzione della Struttura Complessa “Anestesia e Rianimazione I” dell’A.O. di Perugia, la cui nomina sarà formalizzata il 09.05.2018) un panorama desolante sul reclutamento del personale dell’Azienda ospedaliera di Perugia”.

Duca: “Ma diciamo che l’azienda ospedaliera su questo campo, ti dico la sincera verità, sta lavorando cercando di non creare troppi diciamo contraccolpi perché ti ribadisco, quando tu c’hai cinquecentoventi persone…”.

Gori: “No, capisco che …”.

Duca: “Cinquecentoventi persone …”.

Gori: “… gli equilibri …”.

Duca: “… dietro a queste persone … non è che Walter le ha prese se…prendendo la mano beata del padreterno “questo è il più bravo del mondo”, capisci?”.

Gori: “… siamo uomini di mondo …”.

Duca: “Quando fai i contratti a tempo determinato tu sai come funziona no? C’hai un colloquio che ti consente di disporre di sei punti, da quattordici a venti, e i titoli. Spesso sono giovani, la differenza dei titoli è un punto due punti, quindi col colloquio ti giochi chi cazzo ti pare. Dopodiché ti capita pure, come accade in questo maledetto paese, che tra sanatorie e condoni basta che c’hai avuto c… …perché tu capito che io c’ho ventinove medici da poter stabilizzare che potrebbero non essere i più bravi ma che c’hanno avuto il culo di avere appunto la capacità di entrare attraverso un colloquio dove Gori gli stava amico e quindi gli ha dato venti, a quell’altro gli ha dato sedici …”.

Gori: “Sì”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Duca: “… e quello magari è tre volte più bravo ma l’ha inc... Adesso quello ancora sta in giro a fa i concorsi, il sedici, e il venti non deve fa manco il concorso adesso quando esce l’avviso mio si stabilizza perché io purtroppo non posso fare diversamente …”. 

Inchiesta sanità - Le intercettazioni, ecco come progettavano di truccare altri concorsi 

Sanità, le intercettazioni. Marini: "Ce l'hai tutte? Ha da fa la selezione...". Duca "Qui ce so le domande"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 12 luglio: due nuovi positivi, aumentano gli isolamenti

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 12 luglio: tutti i dati comune per comune

  • Magione, una serata da incubo: invasione di chironomidi

  • Intasca i soldi delle giocate del Lotto, titolare di rivendita condannata dalla Corte dei conti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento