"Mi avete rovinato una notte di sesso": cliente multato aggredisce Carabinieri

Un macedone, ma da molti anni residente in un comune dell'area del Trasimeno, è stato sorpreso a contrattare una prestazione sessuale con una squillo. Oltre alla multa si è beccato anche una denuncia

"Mi avete rovinato una notte di sesso e ora ve la faccio pagare io, altro che multa a me": un macedone, residente in uno dei comuni che si affacciano sul Trasimeno, ha prima minacciato e poi cercato di affrontare in un corpo a corpo i militari del Comando di Perugia che lo avevano fermato in via Trasimeno Ovest dove stava contrattando una prestazione sessuale con una squillo.

I Carabinieri hanno spiegato che era in contravvenzione in base all'ordinanza anti-prostituzione emessa dal Comune di Perugia. Importo: 450 euro. A quel punto lo straniero è completamente impazzito ed ha minacciato, insultato e quasi aggredito i militari. La sua arrabbiatura non era tanto per l'importo ma per il fatto che gli avevano mandato all'aria una notte di sesso. Ed ora oltre a dover pagare la somma di 450 euro dovrà rispondere anche del reato di minaccia a pubblico ufficiale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento