Città di Castello, il Rotary celebra sessant'anni di attività e adotta una rotatoria

La “ruota” simbolo del Rotary International sulla rotatoria stradale in via Diaz incrocio via De Cesare: un adozione di un luogo della città per celebrare con una buona pratica civica i sessanta anni di attività del service a Città di Castello. D’ora in avanti, in accordo con il comune tifernate, saranno i vertici ed associati del Club a garantire manutenzione e decoro di quel luogo strategico per il traffico cittadino. 

“Un altro esempio in citta’ di senso di appartenenza e fattivo contributo a garantire immagine e decoro dei luoghi simbolo della nostra comunità da parte di associazioni di volontariato ed in questo caso di club come il Rotary protagonisti di una bella iniziativa. Grazie al Presidente Giorgio Ceccarelli, a tutto il consiglio e a i soci d’ora in avanti quella rotatoria avrà attenzioni particolari che la manterranno pulita e funzionale”, E’ quanto dichiarato dal sindaco, Luciano Bacchetta, al termine della breve ma partecipata cerimonia di posa in opera della “ruota” (realizzata da una azienda metalmeccanica altotiberina) simbolo del Rotary International sulla sommità dell’aiuola-rotatoria stradale in via Diaz alla presenza del Governatore del Distretto 2090, Basilio Luigi Ciucci, del presidente del club tifernate, Giorgio Ceccarelli e di una folta delegazione del service e di autorità civili e militari. 

L’iniziativa, che ha riscosso anche il plauso dell’assessore all’ambiente, Massimo Massetti (“il decoro urbano è reso possibile anche grazie a questi lodevoli progetti”), è stata preceduta dalla visita ufficiale, presso la residenza municipale, del Governatore del Distretto 2090, Basilio Luigi Ciucci accompagnato dai vertici locali del club. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una visita di cortesia nel corso della quale il sindaco Bacchetta ha ringraziato il Rotary di Città di Castello (fondato il 29 ottobre 1959, primo presidente avvocato Carlo Zaganelli) “per l’attività svolta in oltre sessanta anni sempre caratterizzata da iniziative e progetti finalizzati ad elevare immagine, tradizione e storia della nostra città attraverso i personaggi e le situazioni che nel corso della storia l’hanno connotata in maniera positiva ed autorevole. Il Rotary come gli altri club e associazioni culturali e di volontariato sono un vero e proprio vanto per la nostra comunità per quello che fanno e rappresentano. Ancora grazie”. Al termine del cordiale incontro il sindaco ha fatto omaggio al governatore Ciucci di un volume sulla storia della città ed un manufatto della Tela Umbra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Coronavirus in Umbria, la mappa del contagio al 19 maggio: tutti i dati comune per comune

  • Contrordine da Roma, dalle 13 siamo una regione a rischio basso, quindi virtuosa. Ora nel mirino: la Valle d'Aosta

  • Coronavirus e movida violenta a Castel del Piano, in venti ubriachi al bar e scoppia la rissa: quattro arresti

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

  • Continua la campagna anti-Umbria sui contagi, ma il bollettino smentisce tutti: zero contagiati anche oggi, zero morti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento