In 13 anni le hanno sottratto 161mila euro tra risparmi e pensione: nei guai due coniugi perugini

In più le avrebbero fatto sottoscrivere dei contratti per acquistare delle auto che la poverina non avrebbe neanche mai visto... nonostante fosse la titolare

Due perugini, marito e moglie, sono stati rinviati a giudizio e dovranno a giugno 2020 affrontare un processo  per circonvenzione di incapace. Vittima un'anziana signora, in origine badante della madre dei due, che secondo la Procura sarebbe stata alleggerita di 160mila euro nel giro di 13 anni. Tramite una serie di sottoscrizione di deleghe la poveretta avrebbe permesso ai due di accedere ai propri conti correnti, al bancomat e quindi alla sua pensione e risparmi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Inoltre grazie all'assegno mensile di anzianità i due perugino avrebbero fatto sottoscrivere anche due prestiti per acquistare auto che sono state ovviamente utilizzare solo dai due e non solo per l'esigenze dell'anziana. Si dichiarano totalmente in buona fede i perugini - assistiti dall'avvocato Giovanni Spina - e hanno intenzione di dimostarlo in sede di processo. Per la Procura le accuse sono supportate da prove e da una cifra raggirata che ha toccato quota 160-161mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus Umbria, il bollettino del 7 aprile: frenano ancora i contagi, sei nuovi decessi

  • Battuta di pesca illegale nelle acque del Trasimeno: sorpresi con 150 chili di carpe e multati per 4mila euro

  • Coronavirus, altre due vittime in Umbria: lutto a Perugia e Castiglione del Lago

  • Coronavirus, bollettino Umbria del 5 aprile: su 550 tamponi 29 contagiati, 300 tra guariti e quelli senza più sintomi

Torna su
PerugiaToday è in caricamento