Cinghiali abbattuti all'aeroporto, gli animalisti: "Rivoltanti le foto con i cadaveri: bastava catturarli e allontanarli""

Il Movimento "centropercentoanimalisti" ha critica aspramente l'abbattimento dei tre animali che rappresentavano, comunque un pericolo per la sicurezza delle piste

Foto e video hanno fatto il giro dei social. Alcuni media hanno deciso di pubblicarli, altri invece no pur avendo già dato la notizia della pericolosa presenza di cinghiali nell'area della pista di atterraggio dell'aeroporto. A causa di questi animali un aereo non è potuto atterrare - complice anche la visibilità ridotta - ed è stato dirottato su un altro scalo. Di ieri la notizia, ben corredata anche di immagini forti, dell'abbattimento tramite selezionatori (cacciatori autorizzati anche fuori dal periodo di caccia) di tre imponenti cinghiali. 

Ora l'aeroporto è più sicuro, ma sui social la cattura - l'abbattimento -, al di là delle autorizzazioni e del giudizio sulla caccia, non è piaciuta a tutti e molti sono stati i post indignati. Duro anche il commento del movimento "centopercentoanimalisti" che ha preso di mira le istituzioni ma anche chi gestisce l'aeroporto. "La cosa si sarebbe potuta risolvere in molti modi: catturarli e trasportarli altrove, semplicemente farli allontanare. Invece le “autorità competenti” hanno scelto il solito, peggior modo: i Cinghiali sono stati abbattuti. Alla faccia che l’aeroporto sia dedicato a Francesco d’Assisi!".

"C’è da chiedersi - hanno concluso - quale sia il livello di sicurezza della struttura: come sono entrati i Cinghiali, potrebbe entrare chiunque: ragazzini incoscienti, vandali, terroristi. Ma l’unica soluzione per far fronte alla propria incapacità, i responsabili l’hanno trovata nel far uccidere tre creature innocenti. E’ semplicemente rivoltante la foto che mostra i cacciatori trionfanti assieme a dipendenti dell’aeroporto con i cadaveri degli Animali assassinati. Non c’è limite al peggio…". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

  • Ponte Rio, scontro tra auto: grave un 30enne

Torna su
PerugiaToday è in caricamento