Il chitarrista dei Negrita riabbraccia le sue chitarre ritrovate a Perugia

Due persone hanno provato a vendere gli strumenti ad un negoziante di Perugia, scoperti hanno abbandonato le chitarre e sono fuggiti

Ritrovate a Perugia le chitarre rubate ad Enrico Salvi, il chitarrista dei Negrita sul finire del mese di dicembre.

Il recupero delle chitarre è avvenuto grazie alla segnalazione del titolare di un negozio di strumenti musicali che si trovato due persone in negozio che hanno provato a vendere le chitarre. Il negoziante si è insospettito per l’atteggiamento dei due individui e ha chiesto qualche informazione in più sulla provenienza degli strumenti.

I due hanno provato a spiegare qualcosa, ma poi sono fuggiti lasciando le chitarre nel negozio. L’esercente ha chiamato il 113 e ha fornito il numero di targa e una precisa descrizione della vettura dei due personaggi.

La Polizia è riuscita a risalire all’identità del proprietario dell’auto e a divulgare elementi utili a tutte le forze dell’ordine per la ricerca dei due malviventi.

Le chitarre è stato appurato che sono quelle sottratte alla band dei Negrita a Natale.

Le due chitarre provento di furto sono state sottoposte e sequestro e questa mattina, presso gli uffici della Questura di Perugia, sono state riconsegnate al musicista, molto contento di rientrare in possesso degli strumenti, il cui furto aveva denunciato sui social.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Bollettino medico Coronavirus: "Nessun contagio in Umbria ad oggi". Si decide su scuole ed eventi

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

  • Coronavirus, due tamponi positivi in Umbria. La Regione: "Casi d'importazione, non rinconducibili a focolai locali"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento