Ruba in chiesa, ladro inseguito e catturato dal parroco: arrestato 47enne perugino

Per mettere a segno l'ennesimo colpo, un ladro seriale di elemosine ha scelto la chiesa sbagliata

Per mettere a segno l’ennesimo colpo, un ladro seriale di elemosine ha scelto una delle chiese più importanti di Assisi. Questa volta, però, l’avventura è finita male perché ha incontrato il parroco-poliziotto. Il prete, seduto negli ultimi banchi a pregare, si è accorto del ladro che armeggiava nella cassetta delle elemosine. Così ha iniziato ad urlare e l’uomo è scappato a gambe levate.

Ma il parroco-poliziotto non ha mollato la presa: lo ha inseguito, riuscendo ad intercettarlo all’interno di un garage. Insieme al prete anche gli agenti della municipale. Poi è arrivata la polizia e il ladro è stato catturato. Si tratta di un 47enne, perugino, già noto alle Forze dell’Ordine per i suoi numerosi precedenti specifici che gli sono valsi anche diversi provvedimenti di foglio di via dal Comune di Perugia. Per pescare le offerte l’uomo utilizzava arnesi da scasso e un metro a scatto con del nastro bi-adesivo.

Negli ultimi anni hasottratto denaro dalla cassetta delle elemosine, tra gli altri, del Santuario di Collevalenza a Todi, di Madonna dei bagni, di Mongiovino a Tavernelle, di Madonna di Fatima a Città della Pieve; nel 2014, in provincia di Arezzo, aveva colpito persino la cassetta delle offerte posta vicino al libro delle firme in occasione di un funerale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti di polizia hanno trovato all’interno del borsello la somma di circa 55 euro in banconote di piccolo taglio e in diverse monete, più la canna da pesca per rubare. Tratto in arresto, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria è stato condotto a Perugia presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo. Avviata nei suoi confronti la procedura per l’emissione del divieto di ritorno nel Comune di Assisi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Piante antizanzare da coltivare sul balcone o in giardino

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Umbria, il pitbull morde una persona in fila alla tabaccheria: la padrona fa finta di niente e se ne va, denunciata

Torna su
PerugiaToday è in caricamento