Verso le Regionali, sinistra e civici pronti alla grande coalizione anti-lega. E Fora azzecca la mossa

Una svolta, almeno sulla coalizione del centrosinistra, c'è stata nella giornata di oggi. Sull'appogio definitivo ancora no ma le quotazioni sono in rialzo

Una svolta, almeno sulla coalizione del centrosinistra, c'è stata nella giornata di oggi. Sull'appogio unanime e definitivo del candidato presidente Fora invece ancora fumata nera anche se le sue quotazioni, dopo alcuni giorni neri, sono tornate a risalire. Buona la sua contromossa diramata a mezzo stampa: l'appello ad un accordo di programma con Umbria dei Territori - che aveva chiesto questo ma anche un candidato non autonominato o nominato da pochi - e con la sinistra-sinistra L'Altra Umbria. Quest'ultimi stavolta non hanno escluso un fronte comune anti-Lega con i civici, il centrosinistra e a questo punto anche con il Pd di Verini. La discontinuità è chiesta nei nomi e nei programmi da spostare, a sinistra.

"Abbiamo fatto riunioni a Foligno, Marsciano e Perugia e, a breve, ci incontreremo a Terni per ampliare le sottoscrizioni a questo progetto. Su queste basi si è già riscontrata la prima risposta affermativa da parte dei Socialisti ed è aperta l'interlocuzione proficua con Verdi, Articolo 1 e tutti quei soggetti politici consci del necessario grado di rinnovamento e discontinuità necessari a giocare fino in fondo una partita per la vittoria. Vedremo in queste ore se quella di Verini è stata solo una mossa tattica o la presa di coscienza dell'unico percorso possibile per battere le destre". Tornando al quasi candidato presidente Fora e alla sua strategia, c'è una chiara apertura all'uomo più amato dalla sinistra in Umbria, il sindaco di Gubbio Stirati: "desidero ringraziarlo per avere rivolto, e nuovamente, anche lui, simbolo di un modello vincente, un forte richiamo ad una coalizione unita e pluralista".  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E ancora: "Determinante è il lavoro iniziato già da molto tempo dai sociali e civici di Umbria dei Territori, capaci di dare forma concreta ad un attivismo ben organizzato a livello regionale. Così come l’esperienza di Altra Umbria, portatrice di valori importanti e radicati nella nostra cultura.  Credo sia davvero arrivato il momento di confrontarci tutti insieme: energie civiche, politiche, associative per offrire alla comunità umbra il miglior progetto di governo possibile per i prossimi anni".La grande coalizione di centrosinistra per non perdere l'Umbria a questo punto è quasi fatta. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, nuovo bollettino medico in Umbria (25 marzo): 3 guariti in più, zero nuovi decessi, 710 contagiati

Torna su
PerugiaToday è in caricamento