Centro, affittava appartamenti per conto di clandestini: denunciata

Una donna di Città di Castello è stata denunciata per favoreggiamento: si era resa disponibile dietro il pagamento di denaro a fare da prestanome per ben sei appartamenti

Una donna originaria di Città di Castello è stata denunciata a piede libero per favoreggiamento della clandestinità. Secondo la ricostruzione dei Carabinieri del Comando di Perugia, l'altotiberina si era resa disponibile dietro un pagamento in contanti ad essere il volto "insospettabile e spendibile" per affittare ben sei appartamenti in centro a Perugia da rigirare poi a cittadini stranieri irregolari.

Una formula che ha permesso ai nuovi residenti di evitare di produrre documenti fondamentali per stilare il contratto di affitto. I prestanome sono ormai diventati uno strumento fondamentale per la criminalità e le organizzazioni che sfruttana i cittadini clandestini o con permesso di soggiorno scaduto. Soprattutto per il settore della prostituzione in appartamento.

Lo stesso sindaco Boccali, nei giorni difficili della rivolta dei pusher, non aveva esitato a puntare il dito contro quei presunti concittadini italiani che per soldi si prestavano ad alimentare il sommerso e fiancheggiare la criminalità. I finti affitti mettono anche in difficoltà le forze dell'ordine nell'azione del monitoraggio del territorio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando il bucato non profuma: lavare e igienizzare la lavatrice

  • Ospedale di Perugia in lutto, è morta Giampiera Bistarelli: "Ha dato a tutti noi una grande lezione di vita"

  • Tragedia a Perugia, precipita dal palazzo e muore: sul posto la polizia

  • Le aziende che assumono. La perugina Barton cerca nuovi agenti: ecco come candidarsi

  • Sbanda e finisce fuori strada con l'auto: Marcello muore a 53 anni

  • La fortuna bacia l'Umbria, pensionato gioca 2 euro e ne vince 260mila

Torna su
PerugiaToday è in caricamento