Liquami nel Rio Pescia, moria di pesci: denunciati i titolari di un allevamento

Indagine dei carabinieri forestali di Passignano: i responsabili legali dell'azienda di Castiglione del Lago multati anche per rifiuti speciali abbandonati nell'area della loro attività

Sarebbero i liquami sversati nelle acque del torrente la causa della anomalia moria di pesci nel Rio Pescia, a Castiglione del Lago, resgistrata nei giorni scorsi su un tratto di 2,5 chilometri fino alla foce del Trasimeno. Liquami provenienti da un allevamento di maiali e riversati nel torrente senza alcun tipo di controllo e di autorizzazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I titolari dell'azienda sono stati denunciati, al termine delle indagini condotti dai carabinieri forestali sulla scorta dei rilievi effettuati in collaborazione con i tecnici dell'Arpa. Il sopralluogo all'interno dell'allevamento, riferiscono i carabinieri, ha fatto rilevare la presenza di rifiuti speciali, abbandonati in varie aree dell'azienda come lavandini, vecchi silos dismessi, rifiuti di ferro, fusti, lavandini 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

  • Temptation Island, la coppia perugina è già sul punto di scoppiare. Alessandro furioso, Sofia si rilassa tra carezze e balli bollenti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento