Castelluccio potrebbe uscire presto dall'isolamento: interventi da 4, 5 milioni di euro

Massimo impegno da parte della Regione per risolvere le molte criticità a Castelluccio e la strada di accesso è tra prime priorità

Lo splendido borgo di Castelluccio di Norcia, colpito dal sisma del 30 ottobre scorso, da mesi vive la sua condizione di isolamento a causa di quella strada, distrutta dal terremoto. Ma per far risorgere l'economia e far tornare il borgo a vivere, prima c'è bisogno di un accesso sicuro. Ed è per questo che la "Giunta regionale segue con la massima attenzione e con l’impegno necessario le molte criticità che interessano la frazione di Castelluccio di Norcia”. È quanto affermano la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, e l’assessore alle Infrastrutture, Giuseppe Chianella, relativamente alle preoccupazioni manifestate in occasione dell’assemblea dei residenti e delle associazioni.

Dalle ferite del terremoto una nuova fioritura: ecco il progetto per far risorgere Castelluccio

“Vorremmo cogliere l’occasione – aggiungono Marini e Chianella - per fornire alcune importanti informazioni su ciò che si sta facendo proprio in questi giorni per avviare a soluzione la delicata problematica della strada di accesso, a cominciare dal fatto che la Strada Provinciale  SP477, insieme ad altri assi viari  dell’area del cratere, è stata già inclusa nella proposta di Programma degli interventi per il ripristino della viabilità elaborato da ANAS tra quelle ricomprese nella prima fase, in prima priorità.

Il piano verrà approvato nei prossimi giorni dal Capo Dipartimento della Protezione Civile, ma nel frattempo, la Provincia di Perugia, proprietaria della strada, sta già portando avanti la progettazione degli interventi per i tratti 1 e 2 sia per le opere da realizzare in somma urgenza che per quelle di ripristino del piano viario e di bonifica e consolidamento delle pareti. Tali adempimenti di carattere tecnico sono indispensabili per poter avviare la fase di approvazione e di appalto anche dei tratti che, in base alle norme vigenti, non è possibile affidare in somma urgenza”.

 La presidente e l’assessore, nel ricordare che le abbondanti nevicate avevano rallentato le attività di rilievo, impedendo l’avvio dei lavori in somma urgenza che erano stati già affidati, sottolinea tale criticità “è stata risolta in queste ore in quanto grazie all’intervento dei Vigili del Fuoco per il tratto 2 e a quello dell’Esercito nel tratto 3, la strada è stata interamente sgomberata”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La famiglia denuncia la scomparsa, i Vigili del fuoco cercano un giovane tra Collestrada e Ponte San Giovanni

  • Umbria, dramma in casa: uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

  • Incubo finito, ritrovato a notte fonda il minore scomparso

  • Maltempo, il Comune di Perugia tiene chiuse scuole e Università: ordinanza del sindaco

  • Maltempo, la Protezione Civile: chiuse strade e allarme per fiumi. "Ecco quando e dove si verificherà il picco della piena del Tevere"

  • Lo riconosce e lo accompagna dai carabinieri, ritrovato il giornalista Giovanni Camirri

Torna su
PerugiaToday è in caricamento