Operaio morto a Castel Ritaldi: la testimonianza del collega

Il tecnico della Provincia di Perugia sarebbe deceduto a causa di una forte scossa di elettricità mentre stata collegando alla rete l'idropulitrice. Il collega: dopo il contatto è volato all'indietro per 5 metri

L'operaio di 36 anni, morto folgorato a Castel Ritaldi, avrebbe subito la scossa mortale non durante un'opera di manutenzione dell'idropulitrice, ma quando ha collegato i fili alla corrente per metterla in funzione.

"Il contatto - secondo la ricostruzione di un compagno di lavoro che è stato il primo a prestare soccorso - sarebbe stato talmente violento che il corpo del tecnico ha fatto un balzo all'indietro di oltre 5 metri.

La morte è arrivata sul colpo. Seconda una ricostruzione presentata alle forze dell'ordine, M.O. aveva intenzione di ripulire dal sale e dal fango il camion anti-ghiaccio utilizzato dalla Provincia nell'ultima emergenza neve. L'uomo, spostato, lascia un figlio di 8 anni.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria, dramma in casa: uccide moglie e figlia e poi si toglie la vita

  • L'Umbria in tv, Linea Verde alla scoperta delle nostre meraviglie: quando vedere la puntata

  • Spray urticante nei corridoi del Pieralli, nove ragazzi in ospedale per lesioni

  • Maltempo, il Comune di Perugia tiene chiuse scuole e Università: ordinanza del sindaco

  • Volley, il centrale della Sir Safety operato all'ospedale di Perugia: il bollettino medico

  • Truffa del gratuito patrocinio, bufera su alcuni avvocati perugini

Torna su
PerugiaToday è in caricamento