La casa al mare è un bluff. Ecco come ha spennato e distrutto le vacanze a centinaia di persone

Tra le vittime anche alcuni umbri. Il sistema per pubblicizzare, sotto falso nome, le case fantasma, era tanto semplice quanto efficace, utilizzando i social network per attrarre gli ignari malcapitati

Smascherato un altro truffatore delle case “fantasma”. L’operazione è stata porta avanti dai poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Spoleto, diretto dal vice questore aggiunto Claudio Giugliano, che ha permesso di risalire un 45enne che ha raggirato centinaia di cittadini in tutta in Italia, compresa l’Umbria. Sono oltre 60 le querele presentate in tutto lo Stivale.

Secondo le indagini di polizia il 45enne già con precedenti alle spalle e senza fissa dimora, per guadagnare aveva messo in piedi un sistema “professionale” per raggirare i clienti interessati a prendere in affitto, a buon mercato, gli appartamenti nelle località turistiche estive. Peccato che fosse solo un bluff.

Il sistema per pubblicizzare, sotto falso nome, le case fantasma, era tanto semplice quanto efficace. Su varie applicazioni dei più diffusi social network, pubblicizza sotto falso nome l’affitto a buon mercato di appartamenti per l’estate, ovviamente non di sua proprietà e chiedendo il versamento di una caparra confirmatoria di 150 euro, con bonifico accreditato su una carta prepagata da lui attivata, ma intestata ad un’altra persona.

Il truffatore, per tranquillizzare gli ignari clienti, inseriva nell’annuncio anche il proprio telefono cellulare al quale rispondeva regolarmente, fornendo informazioni sull’appartamento e fotografie dell’immobile. Ma una volta ricevuti i soldi per l’acconto, ecco che spariva sia la pubblicità che il falso profilo e il telefono cellulare, rendendosi così irreperibile per i “vecchi” clienti truffati, ma potendo iniziare nuovamente il suo gioco con altri interessati agli appartamenti.  L’uomo, attualmente ricercato in tutto il territorio nazionale, è stato denunciato alla Procura della Repubblica per il reato di truffa.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Senato assume personale, il concorso: primo stipendio da 1.726 euro al mese

  • Umbria, tragico schianto in moto: Francesco muore nell'incidente

  • Family Day Perugia, il cattolico Fora non firma il manifesto e accusa: "Chi sta con Salvini non può dirsi cristiano"

  • Quando Cicciolina girava per il centro di Perugia mostrando le sue grazie ai passanti

  • Quando Bob Dylan, a Perugia, perse l’amore

  • LA VIGNETTA di Giuseppe Pellegrini. Il Frecciarossa parte seconda: l'orario infernale!

Torna su
PerugiaToday è in caricamento