Cascia riparte! Riapre il centro di riabilitazione a due anni dal terremoto: nuovo, all'avanguardia e con 40 posti letto

E' la prima realtà sanitaria che torna operativa in tutto il cratere del centro Italia dopo il terremoto. E' specializzata nella riabilitazione e nell’assistenza di pazienti non autosufficienti

Apre a Cascia la nuova struttura di riabilitazione a due anni dal terremoto che ha sconvolto il Centro Italia. E lo farà con un’importante inaugurazione in programma sabato 22 settembre con tanti ospiti anche del mondo della musica in quanto l’evento si inserisce nella giornata “Cascia Riparte!”

Il centro di riabilitazione e residenza sanitaria assistita (Rsa) è la prima realtà sanitaria che torna operativa in tutto il cratere del centro Italia dopo gli eventi sismici, e la cerimonia di riapertura è  inserita all’interno di un grande evento che prevede una Tavola rotonda con presentazione della struttura e dei servizi sanitari, il taglio del nastro e un concerto-spettacolo di solidarietà sul sagrato della Basilica di Santa Rita, con cantanti e artisti di fama nazionale.

La nuova struttura – resa possibile grazie alla collaborazione tra Regione Umbria, Comune di Cascia, Usl Umbria 2 e Monastero Santa Rita da Cascia, è stata allestita nella ex Casa Esercizi Spirituali, nei pressi della Basilica di Santa Rita, messa a disposizione dalle monache del Monastero Santa Rita da Cascia e da loro adeguata a struttura sanitaria, che avrà a disposizione ben 40 posti letto e sarà specializzata nella riabilitazione, nel trattamento di persone affette da Sclerosi multipla e nell’assistenza di pazienti non autosufficienti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Già prima del terremoto, Cascia rappresentava un punto di riferimento nel settore, attirando pazienti da tutta Italia. Grazie a spazi più ampi e a nuove attrezzature, potrà offrire servizi ancor più all’avanguardia. Il tutto è stato inoltre reso possibile con la solidarietà di molti benefattori e la partnership della Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus e con il contributo di Fondazione Vodafone Italia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Ragazza sparita di casa a Terni e segnalata a 'Chi l'ha visto', arrestata per rissa in corso Vannucci

  • Coronavirus e Fase 2, nuova ordinanza della presidente della Regione Umbria: le attività che riaprono dal 3 giugno

Torna su
PerugiaToday è in caricamento