Il presidente della Cei incontra i bambini e i ragazzi dell'Istituto serafico di Assisi: "Siete una bomba d'amore"

Un bel regalo quello che il Cardinale Bassetti – eletto Presidente della CEI nel maggio 2017 - ha voluto fare ai ragazzi ospiti della struttura, ai famigliari e a tutti gli operatori del centro di riabilitazione

Giornata ricca di emozioni quella che si è vissuta oggi all’Istituto Serafico di Assisi. Una chiesa gremita ha accolto il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della CEI (Conferenza Episcopale Italiana) giunto ad Assisi per incontrare, per la prima volta, i bambini e i ragazzi disabili dell’Istituto, noto per essere un’eccellenza nel campo della riabilitazione di giovani con disabilità plurime di tipo sensoriale, fisica e mentale e della ricerca medico-scientifica.

Ad attenderlo Francesca Di Maolo Presidente dell’Istituto Serafico di Assisi e ad accompagnarlo il Vescovo Mons. Domenico Sorrentino.   Un bel regalo quello che il Cardinale Bassetti – eletto Presidente della CEI nel maggio 2017 - ha voluto fare ai ragazzi ospiti della struttura, ai famigliari e a tutti gli operatori del centro di riabilitazione che, giornalmente, affrontano la difficile situazione della disabilità.
 “Desidero innanzitutto ringraziarvi per l’accoglienza che mi avete riservato. Venendo qui ho potuto respirare un clima di fraternità. Siete una bomba atomica di amore e all’Istituto Serafico di Assisi ce ne è un potenziale infinito – ha dichiarato il Cardinale Gualtiero Bassetti, Presidente della CEI -  Infinito perché di amore vero esiste solo quello che Dio trasmette alle sue creature e qui questo amore si respira pienamente si trasforma in gioia, sentimenti di fraternità e accoglienza. 
In compagnia della Presidente Di Maolo, il Card. Bassetti ha visitato alcuni spazi dell’Istituto tra cui i laboratori di arteterapia e musicoterapia, inseriti nei percorsi riabilitativi dei ragazzi; la stanza plurisensoriale e gli spazi interni riservati a momenti di svago e gioco; la palestra e le piscine utilizzate per l’idrokinesiterapia e il Parco Sensoriale all’interno del quale viene svolta l’ortoterapia.
Al termine, il Presidente della CEI Card. Bassetti – sensibile alle problematiche dei giovani e attento ai temi sociali -  si è intrattenuto a lungo con i ragazzi e i loro famigliari, ascoltando le loro storie e rivolgendo parole di conforto, speranza e incoraggiamento come nel caso di una mamma che ha voluto raccontare la sua esperienza all’Istituto Serafico di Assisi, un luogo del cuore dove si torna a respirare un po’ del profumo di casa: “ Per raccontare il percorso mio e di mio figlio all’interno del centro dovrei utilizzare tante parole, tutte diverse tra loro: dolore, fatica, nostalgia, sconfitta e conquista.  
All’Istituto abbiamo intrapreso un percorso non facile ma sentivo che potevo fidarmi e, soprattutto, affidarmi. Oggi - prosegue la mamma nel racconto - quando incrocio lo sguardo di ogni educatore, terapista, medico o insegnante i nostri occhi sorridono come se in un attimo rivivessimo i tanti momenti difficili ed ora non possiamo che sorridere davanti a questo ragazzo sereno. Per questo, un’altra parola che scelgo di utilizzare è Rinascita”. Il Cardinale ha voluto, inoltre, complimentarsi con i medici e tutti gli operatori sanitari che, con impegno e amore, si prodigano affinché i ragazzi e i loro cari siano assistiti secondo i migliori standard qualitativi.  
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus | Lettera di risposta a Cucinelli: "Non per tutti volano felici le rondini: perchè non dà suggerimenti al Premier Conte?"

  • Coronavirus, salgono a 14 le vittime: nella notte è deceduto in ospedale un 59enne

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino medico regionale del 22 marzo: 522 contagiati, 16 le vittime accertate

  • E alla fine il decreto sul lavoro è stato firmato, ecco le schede dei settori operativi e di chi potrà lavorare

Torna su
PerugiaToday è in caricamento