Spacciatori "assunti" dall'Albania, 30mila euro di guadagni al mese e montagne di droga: tre arresti

Assoldavano pusher dall'Albania per farli venire a spacciare in Umbria col trucco del permesso di soggiorno turistico: banda smantellata

Banda smantellata e canale dello spaccio di droga a Città di Castello e Umbertide stroncato. I carabinieri hanno dato esecuzione a tre misure cautelari emesse dal Gip presso il Tribunale di Perugia su richiesta della Procura della Repubblica nei confronti di altrettanti cittadini italiani e stranieri.

Arrestati un albanese di 31 anni residente a Umbertide, un albanese di 22 anni domiciliato a Città di Castello e un italiano di 40 anni, residente a Città di Castello, a cui è stata applicata la misura dell’obbligo di dimora con divieto di allontanarsi dalla propria abitazione nelle ore notturne.

L’indagine dei carabinieri, diretta dal Sostituto Procuratore Manuela Comodi e chiamata “Boomerang”, ha preso avvio nel febbraio 2017 da alcuni episodi di spaccio di cocaina avvenuti nella cittadina di Umbertide dove alcuni cittadini albanesi, oramai radicati nella zona e già noti alle Forze dell’Ordine, avevano realizzato una vera e propria attività di spaccio operativa 24 ore al giorno. I pusher vendevano al dettaglio ai tossicodipendenti e rifornivano di droga gli spacciatori della zona.

Ma c’è di più: assumevano manodopera per lo spaccio in Umbria. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri la banda ingaggiava giovani albanesi, li portava in Umbria con il permesso di “soggiorno turistico” per tre mesi e poi li rispediva a casa per evitare che venissero identificati dalle forze dell’ordine.

Nell’ambito della stessa indagine, nel corso del 2017 erano già stati effettuati 7 (sette) arresti in flagranza di reato nei confronti di persone sia italiane (di cui una donna) che straniere, altre 15 denunciate in stato di libertà, tutte per spaccio di sostanze stupefacenti; sono stati identificati e segnalati alla Prefettura di Perugia circa 45 assuntori di droghe, tutti dell’Alta Valle del Tevere, nonché  sequestrati circa 14 chili di sostanza stupefacente (marijuana e hashish), 300 grammi di cocaina oltre a bilancini di precisione ed altro materiale utilizzato per il taglio ed il confezionamento della droga. Il giro d’affari accertato ammontava verosimilmente ad oltre 30mila euro al mese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nessuno vuole più indossare la toga? Esame da avvocato, domande al minimo storico

  • Muore a 39 anni schiacciato dal trattore, inutili i soccorsi

  • Umbria, colpito da infarto in banca: infermiere e vigile del fuoco fuori servizio gli salvano la vita

  • Cadavere in un canale, sul posto Carabinieri e Vigili del fuoco

  • Travolto e ucciso da un'auto in superstrada: Fabrizio muore a 45 anni

  • Albero crolla e si abbatte su una casa e su un'auto

Torna su
PerugiaToday è in caricamento