Perugia, minorenni soccorsi dal 118 a causa dell'alcol a Capodanno, 34enne in codice rosso dopo incidente

Non si sono registrati feriti da fuochi artificiali, ma sono stato diversi gli  interventi per abuso di alcool, che in alcuni casi sono stati la causa principale di incidenti stradali

Notte di S,Silvestro particolarmente impegnativa per i sanitari del 118 e del Pronto Soccorso del Santa Maria della Misericordia di Perugia. Fortunatamente però  non si sono registrati feriti da fuochi artificiali, ma sono stato diversi gli  interventi per abuso di alcool, che in alcuni casi sono stati la causa principale di incidenti stradali.

I traumi subiti in ogni caso sono stati  di modeste dimensione, come riferisce una nota dell'ufficio stampa dell'Azienda Ospedaliera.  Codici di modesta gravità, se si esclude un ferito grave( codice rosso) per un uomo di 34 anni a seguito di un incidente stradale avvenuto a Magione nelle prima mattinata del nuovo anno.

La centrare operativa del 118, con personale aggiuntivo rispetto ad altri periodi dell'anno, è intervenuta in sei casi per uso eccessivo  di alcool a Perugia e nelle periferie, in due occasioni anche nelle vicinanze di locali di divertimento.

Il fenomeno ha riguardato anche giovani minorenni sia italiani che extracomunitari."Gli interventi effettuati prima della mezzanotte sono stati meno gravi di quelli registrati nelle prime ore del 2018 - informano i sanitari in servizio al 118-, il tasso alcolico in quattro casi è risultato particolarmente elevato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli operatori sanitari hanno riportato nelle schede di intervento anche gli alcolici consumati, con la Vodka che è risultata la più utilizzata. Buone notizie sul fronte dei botti: per il quinto anno consecutivo il fenomeno è stato circoscritto grazie anche alla campagna di sensibilizzazione messa in campo da Polizia e Ospedale. Solo leggere ferite al dorso delle mani di due ragazzi, medicati al pronto soccorso e dimessi.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Umbria Jazz, colpo di scena: l'annuncio ufficiale, progetto per quattro concerti ad agosto

  • Covid-19, quattro positivi asintomatici da Brunello Cucinelli: "L'isolamento ha evitato la trasmissione del virus"

  • Coronavirus, bollettino regionale del 31 maggio 2020: zero contagi, 17 le persone ricoverate

  • Offerte di Lavoro per Perugia e provincia: addetti al supermercato, farmacisti, operai, autisti e baby-sitter

  • Coronavirus e Fase 2, nuova ordinanza della presidente della Regione Umbria: le attività che riaprono dal 3 giugno

  • Test sieroprevalenza: battere il Coronavirus, ma la metà degli umbri chiamati non risponde all'appello della Croce rossa

Torna su
PerugiaToday è in caricamento