Bracconiere beccato dai carabinieri: grosse trappole pronte per catturare di tutto

Le due trappole, con rete metallica saldata ad una struttura in ferro, sono state individuate all’interno di un terreno agricolo coltivato e recintato e in un terreno a cielo aperto vicino a un fienile

Attive e pronte a catturare di tutto. I carabinieri di Sant’Anatolia di Narco hanno individuato due trappole per la cattura di animali selvatici in località Piedipaterno/Contra, nel Comune di Vallo di Nera. I militari della Forestale hanno anche stanato e denunciato il bracconiere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le due trappole, con rete metallica saldata ad una struttura in ferro, sono state individuate all’interno di un terreno agricolo coltivato e recintato e in un terreno a cielo aperto vicino a un fienile. Le trappole, una volta disinnescate, sono state sequestrate. Le due gabbie – di grosse dimensioni – potevano catturare di tutto: dai daini ai piccoli mammiferi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, dalla spesa alle scarpe: le risposte dell'Istituto superiore di sanità sul contagio

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento