Blitz in due locali della movida perugina e del Trasimeno: maxi multe, poca sicurezza e buttafuori improvvisati

Nei guai locale notturno a Ponte San Giovanni, due multe pesanti. Controlli anche a Castiglione del Lago a bar-pub

Un nuovo giro di vite sui locali notturni di Perugia e provincia voluto dal questore di Perugia che ha messo in piedi una vera e propria task-force per effettuali controlli amministrativi: oltre agli agenti della Polizia di Stato, anche Municipale e il personale dei Vigili del Fuoco. Nei giorni scorsi sono stati controllati quattro locali ed in due di questi sono state rilevate irregolarità.

Nel primo, un night club in zona Ponte S. Giovanni, all’arrivo sul posto delle forze dell'ordine hanno trovato all’ingresso alcune persone ferme in attesa di entrare. A fare da filtro, gli agenti hanno identificato un folignate del ’72 che esercitava con la funzione di vigilanza e controllo agli avventori. Peccato però che non aveva i titoli abilitativi richiesti agli addetti al servizio di controllo nei locali di pubblico spettacolo ed intrattenimento; per esercitare è richiesta l’iscrizione all’albo prefettizio. Ai buttafuori irregolare è stata  elevata una multa per l’illecita attività svolta di 1600 euro. Stessa multa e stessi soldi richiesti al titolare del night club a cui si è contestato l’impiego di personale irregolare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il secondo locale trovato non in regola è un bar/pub di Castiglione del Lago. Qui il personale del Comando provinciale dei Vigili del Fuoco ha rilevato violazioni in materia di normativa antincendio rilevando la mancanza della prevista cartellonistica, irregolarità nella tenuta dei registri attestati i controlli, mancata esibizione della dichiarazione di conformità dell’impianto elettrico e del gas nonchvé la mancche zanza di attestato di idoneità tecnica per l’addetto antincendio. Il proprietario è stata diffidato e dovrà adempiere alle prescrizioni imposte per la regolarizzazione degli impianti oltre all’inflizione della sanzione amministrativa di 1200 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, purtroppo altre 3 persone decedute negli ospedali di Foligno, Pantalla e Terni. Sono 24 in Umbria

  • L'Umbria apre tutte le sue bocche di fuoco contro il virus: test rapidi, 2mila tamponi al giorno e 25mila controlli mirati

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino medico del 26 marzo: in Umbria 20 morti, 802 contagiati e 12 clinicamente guariti

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento