Blitz della Polizia a Fontivegge: sgominato clan della droga, 13 arresti in carcere e sei espulsi

Una task-force della Polizia - presenti anche agenti di Ancona e Viterbo - è impegnata nella cattura di un potente clan della droga che operava a Fontivegge ma con ramificazione in tutta la provincia di Perugia

AGGIORNAMENTO DEFINITIVO: African Shop, il supermercato dello spaccio: droga per tutti, basta chiedere

E' in corso un blitz a Fontivegge della Polizia che ha messo le mani su un giro di droga molto importante gestito da nigeriani che utilizzavano come base logistica un "African Shop" nell'area della stazione ferroviaria. L'obiettivo degli uomini della Squadra Mobile è quello di fermare e arrestare 9 persone mentre altre 4 saranno raggiunte da divieto di dimora a Perugia. Espulsione immediata, con tanto di iter già concluso, per altri sei nigeriani appartenenti al sodalizio criminale. Tutti questi individui sono accusati di spaccio di eroina, cocaina, marijuana e hashish nel capoluogo e in provincia. 

L'INTERCETTAZIONE: "Siamo venuti qui prima di voi, vi abbiamo fatto fare tutto"

L’operazione è stata condotta dalla I° Sezione Criminalità Organizzata della Squadra Mobile di Perugia con la collaborazione delle Squadra Mobili di Ancona e Viterbo e del Reparto Prevenzione Crimine “Umbria e Marche”e coordinata dal Servizio Centrale Operativo (SCO) della Direzione Centrale  Anticrimine della Polizia di Stato, oltre al contributo tecnico del Servizio Polizia Scientifica.

DROGA AI MINORI - Nel corso dell’attività investigativa sono stati effettuati oltre 50 recuperi di stupefacente da altrettanti "clienti"; la Polizia ha scoperto che in alcuni casi questi erano minorenni.

CHIUSO AFRICAN SHOP - Le indagini hanno consentito di provare anche il coinvolgimento della titolare dell'African Shop dove sia all’interno che appena fuori si svolgeva l'attività di spaccio da parte del clan dei nigeriani. Il negozio etnico è stato posto sotto sequestro e saranno tempestivamente avviate tutte le procedure per la sospensione e revoca delle licenza necessarie all’esercizio del commercio. IL VIDEO: ECCO COME SI SPACCIAVA ALL'AFRICAN SHOP

Il blitz della Polizia sta alla base di una attività d’indagine condotta grazie a due diverse tecniche di acquisizione delle prove: in primo luogo, la predisposizione di un complesso sistema di videoregistrazione sull’area di interesse, nonché di telecamere e microfoni per l’intercettazione ambientale all’interno del predetto “african shop”, luogo di “raccordo” tra i vari pusher. Secondo aspetto fondamentale: i continui e puntuali interventi proprio durante la vendita e cessione della dose di droga tra spacciatore e cliente.

(aggiornamento nel corso della mattinata)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la Regione conferma un caso sospetto in Umbria, una persona in isolamento

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, contagio, la malattia e la prevenzione

  • Coronavirus, caso sospetto donna ricoverata in isolamento a Perugia: i risultati del primo test

  • Coronavirus, sospetto contagio in Umbria: donna in isolamento all'Ospedale di Perugia, i risultati tra 24 ore

  • Coronavirus, l'Asl di Lodi segnala la presenza di una donna a rischio in Altotevere: "Non ha sintomi, ed ha lasciato l'Umbria"

  • Artemisia, la bimba umbra dai lunghi capelli rossi, è già una star: dalle super griffe a Netflix

Torna su
PerugiaToday è in caricamento