Biomasse, si cerca l'intesa per lo stop del traffico a Sant'Egidio

Problemi di traffico 'pesante' legato alla raccolta per l'impianto a Biomasse di Sant'Egidio, dopo il sopralluogo dell'amministrazione perugina, l'assessore Pesaresi ha chiesto un incontro con la proprietà

La situazione è sempre più critica a Sant'Egidio, in questi giorni di raccolta e conferimento all'impianto delle biomasse, l'intenso traffico ha sollevato un gran vespaio di obiezioni da parte di cittadini e associazioni. A fronte di questa situazione, l'amministrazione, con gli assessori Ciccone e Pesaresi nei giorni scorsi ha effettuato un sopralluogo con i tecnici del Comune e in seguito, è stato richiesto un incontro urgente con la proprietà dell’impianto di biogas.

All’incontro, avvenuto ieri a Palazzo Grossi alla presenza di tecnici, amministratori e anche del consigliere comunale Leonardo Miccioni(Pd), tutti hanno preso atto dell’inopportunità del transito di tali mezzi all’interno del centro abitato, che ancorché per un periodo limitatissimo, si parla di pochi giorni al mese per un periodo che va da giugno a settembre, costituisce di fatto un problema per i residenti. Dal momento che i proprietari del consorzio hanno dimostrato la massima disponibilità a collaborare alla composizione del contrasto, si è giunti a concordare un intervento sulla viabilità da realizzare in due fasi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prima, in risposta all’immediatezza della prossima raccolta che avverrà a giorni, prevede un percorso alternativo, sebbene questo potrà comportare un impegno maggiore per i proprietari del consorzio. La seconda, che avrà carattere definitivo, è già allo studio degli uffici tecnici e prospetta interventi sulla viabilità che, come è stato ribadito con forza da Ciccone e Pesaresi, "testimonino la nostra convinta volontà politica di trovare soluzioni definitive che soddisfino le esigenze del territorio: quelle legittime dei cittadini che chiedono il massimo rispetto della qualità ambientale e di vita; ma anche quelle, altrettanto legittime, di chi fa impresa nel rispetto delle regole".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento