Bidello accusato di aver molestato una 12enne: in aula sentita l'amica del cuore

L'uomo si è sempre professato innocente, affermando che non avrebbe mai osato compiere un gesto simile.

La trascinò per un braccio in un angolo e poi, sfiorandole le parti intime e un seno, le chiese se anche i suoi compagni le facevano la stessa cosa. Un racconto agghiacciante, ma che deve ancora essere provato nella sua veridicità dalle testimonianze di chi si trovò in mezzo alla scandalosa vicenda che porta la data 21 maggio 2011. Vittima dell'episodio una ragazzina appena dodicenne. Ad essere accusato di molestie, invece, il bidello, difeso dall'avvocato Eugenio Zaganelli. L'uomo si è sempre professato innocente, affermando che non avrebbe mai osato compiere un gesto simile.

Dopo anni da quell'episodio che, a detta della vittima si sarebbe consumato all'interno della scuola, si torna in aula. Oggi hanno “sfilato” davanti alla Corte, presieduta dal giudice Nicla Restivo, cinque testimoni, tra cui la migliore amica della ragazza e la preside della scuola. A sconvolgere ancor di più furono le dichiarazioni della madre poco dopo i fatti, la quale ammise che “anche le compagne della figlia erano rimaste vittime delle stesse attenzioni”. La prossima udienza è attesa per il 23 maggio. Giorno in cui sarà sentita la ragazza. La parte civile è rappresentata in aula dal legale Marco Piazzai.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cresima e comunione insieme, l'arcivescovo cambia tutto: niente padrini e madrine per tre anni

  • Pizza a lievitazione naturale, ecco le migliori pizzerie di Perugia

  • Carrefour sbarca in Umbria: ecco quanti saranno i punti vendita

  • Documento Unico di Circolazione e bollo auto, cosa è cambiato nel 2020

  • Bambina di 12 anni all'ospedale per mal di pancia, ma è incinta

  • Omicidio Polizzi, libero il killer Menenti. Il fratello della vittima pubblica le foto del cadavere: "Ecco come lo ha ridotto"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento