Ordinato Vescovo di Gubbio Monsignor Bedini: "Al servizio di tutti, al servizio di tutti i poveri"

"Vorrei portare il mio piccolo contributo perché possa fiorire, ad opera di molti, un laboratorio esemplare di umana convivenza e di civile partecipazione"

Al termine della celebrazione eucaristica nella chiesa di San Domenico in Gubbio per l’ordinazione episcopale e inizio del ministero pastorale del nuovo Vescovo mons. Luciano Paolucci Bedini, ci sono stati altri due momenti significativi: la consegna del Pastorale e il primo discorso ai fedeli del 60° successore di sant’Ubaldo.

Così si è espresso un emozionato mons. Mario Ceccobelli nel consegnare il Pastorale al suo successore: «In questa diocesi la staffetta episcopale si rinnova da più di un millennio. Io ti sosterrò con la preghiera perché tu possa essere un Pastore santo sul modello di tanti vescovi santi di questa Chiesa, tra i quali emerge il Patrono: Ubaldo. Pregherò ogni giorno per te e per questa Chiesa che lascio nelle tue mani giovani e forti. Carissimo vescovo Luciano, so che il tuo cuore vibra per le forti emozioni di questi giorni e per le gravi responsabilità che da questa sera faranno parte della tua missione, ma non temere, continua ad aver fede, il Signore dona sempre le energie sufficienti per assolvere la missione che affida ai suoi amici non lasciandoli mai soli… Avanti dunque, con coraggio e fiducia, nel cammino da percorrere con il tuo popolo e con il tuo Pastorale».

Poi, i tanti grazie di mons. Paolucci Bedini: «Alla Chiesa di Dio, nella quale ho incontrato Gesù, ho conosciuto fratelli e sorelle che mi hanno accolto ed educato, ho ricevuto la grazia dei sacramenti e la luce della Parola; alla Chiesa di Ancona-Osimo, dove sono cresciuto, alle sue comunità parrocchiali, specialmente quella di Maria SS. Madre di Dio di Torrette e quella di San Paolo a Vallemiano; grazie alla Chiesa-Sposa di Gubbio! Non ci conoscevamo, e il Signore, per le vie misteriose della sua volontà, ci ha promessi l'uno all'altra. Il fidanzamento è durato solo tre giorni, ma è stato amore a prima vista. Mi sono commosso quando ho saputo che da mesi questa Chiesa, antica e vivace, stava pregando con grande fiducia per il nuovo vescovo. Le parole di quella preghiera non disegnavano un volto preciso, ma tratteggiavano i contorni di un cuore capace di amare dell'Amore di Cristo-Sposo».

Avviandosi alla conclusione, mons. Paolucci Bedini ha ringraziato i suoi familiari e, prendendo spunto dal suo motto episcopale, “Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date”, ha detto: «Gratuitamente desidero continuare a donare tutta la mia vita per il Vangelo nella Chiesa, perché questa parola di vita continui a salvare la vita di tanti. Desidero farlo in comunione con coloro che il Signore mi dona, sorelle e fratelli, consacrati nel battesimo e in ogni vocazione, al servizio di tutti, a partire dai poveri di ogni povertà. Questa è la novità di Gesù, la forza del suo Amore. Credetelo, sognatelo, e speratelo con me».

Potrebbe interessarti

  • Dove mangiare bene a Perugia, secondo chi ci è stato

  • Rinfrescarsi a Perugia, ecco le principali piscine pubbliche con le relative tariffe

  • Alcol denaturato, un potente disinfettante per l'igiene domestica

  • Spazzatura, come disinfettare i bidoni ed evitare il cattivo odore, specie d'estate

I più letti della settimana

  • Tragedia in centro storico, ragazza di 28 anni trovata morta

  • Tragedia in ospedale, cade dalle scale e muore a 26 anni

  • L'Umbria in Prima Serata, su Sky la puntata tutta umbra di 4 Hotel. Barbieri: "Ecco i protagonisti e le location"

  • A piedi sulla E45, travolto e ucciso da un'automobile

  • Tragedia all'ospedale, studentessa universitaria cade dalle scale e muore

  • Investito sulla E45, il testimone: "Ho cercato di convincerlo a salire in auto, poi si è lanciato sulla strada"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento