Marco Orsolini, autopsia conferma causa della morte: una scossa elettrica

L'autopsia conferma che il dipendente della Provincia Orsolini sarebbe morto per le conseguenze di una forte scossa elettrica. Il 36enne era intento ad un'opera di manutenzione su un'idropulitrice

L’autopsia disposta dal PM di Spoleto, Dott.ssa Mara Pucci ed eseguita dal dottor Fabio Suadoni sul corpo di Marco Orsolini, il 36enne tecnico della Provincia che ha perso la vita folgorato mentre stava tentando di riavviare un’idropulitrice, conferma che la morte è avvenuta per via degli effetti prodotti dalla forte scossa elettrica.

Inoltre, secondo quanto riferito da tuttoggi, i familiari di Orsolini hanno già incaricato due legali per farsi assistere nella delicata ricostruzione dell'accaduto e qualora lo ritengano opportuno, alla nomina di un consulente per una possibile perizia tecnica sui macchinari che il dipendente della Provincia stava usando.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La famiglia denuncia la scomparsa, i Vigili del fuoco cercano un giovane tra Collestrada e Ponte San Giovanni

  • Incubo finito, ritrovato a notte fonda il minore scomparso

  • Nuovo maxi concorso, l'Aci assume personale a tempo indeterminato: due bandi

  • Usl Umbria 1 in lutto, è morto il professor Fabrizio Ciappi

  • Maltempo, il Comune di Perugia tiene chiuse scuole e Università: ordinanza del sindaco

  • Maltempo, la Protezione Civile: chiuse strade e allarme per fiumi. "Ecco quando e dove si verificherà il picco della piena del Tevere"

Torna su
PerugiaToday è in caricamento