Più di 200 auto importate dalla Germania, maxi evasione dell'Iva da 16 milioni di euro: beccati

L'Ufficio delle Dogane di Perugia ha scoperto la frode milionaria: ecco come agivano, in otto nei guai

Beccati. Auto importate dalla Germania e una maxi evasione dell'Iva da sedici milioni di euro. Le indagini dei funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Perugia hanno hanno portato alla scoperta di una frode Iva di circa sedici milioni di euro con più di duecento auto importate dalla Germania e rivendute a prezzi vantaggiosi, con evasione dell'Iva.

L’attività investigativa ha riguardato inizialmente tre società umbre. Dopo i primi approfondimenti è emerso che, per realizzare la frode, venivano utilizzate altre tre società con sedi dichiarate a Roma e Viterbo ma, di fatto, inesistenti e una ditta individuale con sede in Umbria. Con le attività di indagine, delegate dalla Procura di Perugia, sono stati raccolti elementi di prova che dimostrerebbero il coinvolgimento di 8 persone.

Maxi frode con le auto importate dalla Germania

Il complesso meccanismo di frode si realizzava presentando, al momento dell’immatricolazione, falsi documenti che attestavano che i clienti avevano acquistato l’autovettura direttamente presso gli autosaloni tedeschi e che, pertanto, l’IVA era stata già assolta nel paese comunitario.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini per smascherare l'evasione hanno visto la cooperazione delle Autorità Doganali tedesche. Gli uomini delle Dogane hanno appurato che oltre 200 autovetture erano state immatricolate evadendo l’Iva dovuta al momento della nazionalizzazione. L’incrocio dei documenti ricevuti dalle Autorità doganali estere con quelli acquisiti presso le diverse Motorizzazioni dove erano state nazionalizzate le autovetture e il confronto con le dichiarazioni dei clienti degli autosaloni coinvolti ha consentito di provare la falsificazione dei documenti e confermare l’ipotesi investigativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Assembramenti e risse in centro e Fontivegge, ordinanza Romizi: chiusura anticipata locali e obbligo mascherine

  • Spettacolo in cielo, le Frecce Tricolori sorvolano Perugia: ecco l'orario

  • Le Frecce Tricolori nei cieli di Perugia, domani il grande giorno per ammirare la pattuglia acrobatica

  • Centro storico, assembramenti notturni in piazza Danti e in piazza IV Novembre: è polemica

  • LA LETTERA al sindaco. Ordinanza: "Non si interviene così: chi ha sbagliato paghi ma senza penalizzare noi commercianti"

  • Ad Umbertide apre un nuovo supermercato: 450 mq e una linea di prodotti tutta made in Umbria

Torna su
PerugiaToday è in caricamento