Assisi, i rifugiati dovranno lavorare per la città: "Ma non possiamo accoglierli tutti"

Il sindaco Claudio Ricci, prima di trasferirsi in Regione come capo dell'opposizione, ha firmato una delibera per "impiegare" i richiedenti asilo assegnati al comune di Perugia. "Devono anche loro contribuire alla comunità"

Il sindaco di Assisi Claudio Ricci - tra poco lascerà l'incarico per vestire i panni del capo dell'opposizione in Regione - ha deciso che i rifugiati e i richiedenti asilo che sono attualmente ospitati nelle strutture protette della sua città, dovranno dare il proprio contributo per rendere più gradevole e ospitale Assisi.

La delibera prevede di utilizzare sei immigrati alla volta per attività di pubblica utilità legate ai servizi operativi e manutenzioni del Comune. Il tutto gratuitamente. "Un atto importante - scrive lo stesso sindaco - che tende a utilizzate bene tali risorse umane, migliorare l'accoglienza delle persone e l'armonica integrazione con i residenti, attendendo l'iniziale diffidenza".

Il sindaco ha ribadito al Governo e al Perfetto che "non possiamo accogliere in un modo illimitato tutti" e che i flussi migratori vanno bloccati (con l'ausilio delle Nazioni Unite e dell'Unione Europea) nelle coste di origine evitando di trasformare i mari in cimiteri".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento