Pistola, passamontagna e rapine a mano armata: due giovani umbri beccati dai carabinieri

Ci sono quattro anni, ma alla fine sono stati catturati. I carabinieri di Assisi hanno identificato gli autori di due rapine, una a Bastia Umbra e una a Perugia: si tratta di due giovani del posto

Ci sono quattro anni, ma alla fine sono stati catturati. I carabinieri di Assisi hanno identificato gli autori di due rapine, una a Bastia Umbra e una a Perugia: si tratta di due giovani della provincia di Perugia. Per i due ragazzi, denunciati dai militari, l’accusa è di concorso in rapina, con le aggravanti di aver agito con il volto coperto e con una pistola.  

La prima rapina, ai danni di un distributore carburanti di Bastia Umbra, risale al 2013. Uno dei due malviventi, secondo la ricostruzione dei carabinieri, si è appostato in un piazzale del distributore e quando il complice ha finto di effettuare rifornimento ha assalito il benzinaio facendosi consegnare l’intero incasso di circa 2.700 euro.

Le indagini, spiegano ancora i militari, hanno permesso di attribuire ai due almeno un’altra rapina, questa volta avvenuta in Perugia ai danni di un centro scommesse, in cui furono rubati 17.000 euro in contanti.

Potrebbe interessarti

  • Alcol denaturato, un potente disinfettante per l'igiene domestica

  • Spazzatura, come disinfettare i bidoni ed evitare il cattivo odore, specie d'estate

  • Peperoncino, tutti i pro e i contro di una spezia molto amata da tanti

  • Passione per il barbecue, come costruirne uno fai-da-te

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale, cade dalle scale e muore a 26 anni

  • Tragedia in centro storico, ragazza di 28 anni trovata morta

  • Tragedia all'ospedale, studentessa universitaria cade dalle scale e muore

  • Investito sulla E45, il testimone: "Ho cercato di convincerlo a salire in auto, poi si è lanciato sulla strada"

  • A piedi sulla E45, travolto e ucciso da un'automobile

  • Sostiene un esame a Medicina e precipita dalle scale dell'Ospedale: muore a soli 26 anni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento