Giovane rapper fermato e arrestato prima del concerto: in casa 80 grammi di droga

Fermato dagli agenti del Commissariato di Assisi sabato sera, è stato processato per direttissima e condannato

Ha patteggiato cinque mesi e venti giorni, il giovane rapper di origine albanese arrestato sabato sera ad Assisi dai poliziotti del Commissariato; dal controllo effettuato è stati ritrovato qualche grammo di hashish, ed è a quel punto che la perquisizione è stata estesa anche all’interno della propria abitazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Qui gli agenti di polizia hanno rinvenuto 78 grammi tra marijuana e hashish; il giovane rapper si sarebbe dovuto esibire in un locale a Perugia la stessa sera del suo arresto. Trattenuto nelle camere di sicurezza della Questura, è stato processato con rito direttissimo al tribunale di Perugia, dove il giudice ha accolto il patteggiamento a cinque mesi, rimettendo in libertà l’indagato, difeso dall'avvocato Guido Rondoni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus Umbria, il bollettino del 7 aprile: frenano ancora i contagi, sei nuovi decessi

  • Battuta di pesca illegale nelle acque del Trasimeno: sorpresi con 150 chili di carpe e multati per 4mila euro

  • Coronavirus, altre due vittime in Umbria: lutto a Perugia e Castiglione del Lago

Torna su
PerugiaToday è in caricamento