Per sfuggire alla cattura ingoia una dose di cocaina, ma non basta: arrestato il pusher di Corso Garibaldi

Finito in manette su ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip. Numerose le cessioni di eroina e cocaina

Pur di sfuggire all’arresto degli agenti della Mobile, che erano sulle sue tracce da agosto, ha inghiottito un involucro contenente droga, ma il 39enne – considerato lo spacciatore abituale di Corso Garibaldi, alla fine è stato assicurato alla giustizia. I poliziotti lo hanno colto sul fatto, ma alla loro vista ha ingerito la dose di droga che è poi risultata essere cocaina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dalla perquisizione estesa nella sua abitazione, gli agenti hanno trovato alcuni frammenti di sostanze stupefacenti e 260 euro in contanti, ma è dalle indagini che si è riusciti a ricostruire il giro d’affari del 39enne tunisino. Dagli accertamenti è emerso come l’uomo fosse l’autore di decine di cessioni di droga – in particolare eroina e cocaina - nei confronti di diversi consumatori. Il gip, su richiesta della procura, ha così disposto per il tunisino la custodia cautelare in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria all'1 aprile: tutti i casi per comune di residenza

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Coronavirus, quando finirà l'emergenza? Le previsioni per l'Umbria

  • Coronavirus, bollettino regionale del 29 marzo: 1023 contagiati, cresce il numero dei guariti, 'solo' in 46 in terapia intensiva

  • Coronavirus, bollettino regionale Umbria 31 marzo: rallenta il contagio, aumenta invece il numero dei guariti

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

Torna su
PerugiaToday è in caricamento