Padre di famiglia e spacciatore, per sfuggire ai poliziotti passa la coca alla figlia minorenne

Arrestati anche la madre e un amico di famiglia. Le figlie, entrambe minorenni, sono state allontanate da casa

Padre, madre e amico di famiglia arrestati per spaccio. E’ il bilancio di un’articolata operazione portata avanti dal Commissariato di Città di Castello, diretto dal Vice Questore Aggiunto Lucia Ziliotto e che ha portato al fermo di tre italiani, residenti nell’Altotevere e a Foligno. Il capo famiglia, un uomo di 47 anni, ha coinvolto anche la figlia minore poco più che sedicenne nelle sue attività illecite.

Una vicenda in grado di far emergere un delicato spaccato sociale di degrado e di un ambiente familiare maturato nella convinzione che spacciare “è il modo per mantenere la baracca”. I genitori e l’amico, come spiegato in conferenza stampa alla presenza del Questore di Perugia Francesco Messina e del Vice Questore Aggiunto del Commissariato di Città di Castello, non erano tossicodipendenti, ma erano già gravati da alcuni precedenti di Polizia.

Grazie a una capillare attività di controllo sul territorio, gli agenti hanno fermato un’auto, notando il passaggio “sospetto” di un involucro dall’uomo alla figlia, una ragazzina poco più che sedicenne, che lo aveva nascosto sotto la maglietta. E questa è solo la punta dell’iceberg di una operazione che ha portato a galla la vita di uno spacciatore, padre di famiglia, in grado di mettere nei guai anche la figlia ancora minorenne. L'abitazione della famiglia, secondo quanto riportato dalla polizia, era in condizioni pietose, praticamente abbandonata al degrado e alla sporcizia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Centinaia di cessioni agli acquirenti (a fronte di 30 - 40 euro a dose) quelle documentate dagli investigatori anche attraverso l’analisi dei tabulati telefonici: la casa familiare – vicino a una scuola a Città di Castello - era il punto di smercio e fabbricazione delle dosi, la stessa dove all’interno viveva la 16enne insieme alla sorellina di appena 14 anni. Coinvolto anche un complice, un amico di famiglia di 44 anni. Le figlie minori della coppia sono state allontanate dalla casa familiare e affidate a un ambiente più consono per la loro crescita. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso pubblico, 2133 assunzioni a tempo pieno e indeterminato: il bando

  • Aste giudiziarie, l'occasione per "rifarsi" l'auto: dall'audi Q2 praticamente nuova alla Mercedes a 50 euro

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • La Usl Umbria 1 vende 24 auto, come fare un'offerta per partecipare all'asta

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

Torna su
PerugiaToday è in caricamento