In manette spacciatore con protezione umanitaria, nel cellulare le prove della cessione di droga

Fermato dalla polizia, ha un'altra condanna in attesa di appello. Il cliente si lamentava con un sms della qualità della marijuana

Fugge dalla guerra e spaccia marijuana a Perugia. Arrestato una prima volta, con pena patteggiata ad 8 mesi, ottiene il permesso di soggiorno con protezione umanitaria e finisce di nuovo arrestato, sempre per droga.

È la storia che ha per protagonista un giovane nigeriano, difeso dall’avvocato Antonio cozza, arrestato dalla Polizia a Perugia per spaccio di droga. Al momento del fermo lo straniero è stato trovato in possesso di cinque grammi di stupefacente, ma controllando il suo cellulare gli agenti hanno scoperto molto di più.

In particolare un sms ha richiamato l’attenzione degli agenti. Un probabile acquirente si lamentava per essere stato trattato male, sia per quanto riguarda la qualità della droga sia per la quantità. Eppure il mittente del messaggio era un buon cliente: in un anno aveva concluso 120 acquisti, spendendo almeno tremila euro.

Davanti al giudice il nigeriano ha patteggiato altri 8 mesi, con pena sospesa.

Potrebbe interessarti

  • Laghi dell'Umbria, quelli balneabili e quelli dove godersi la natura

  • Casa in disordine, addio: ecco le tecniche per imparare a mantenere tutto a posto

  • La passione per il vino porta David e Victoria Beckham in Umbria

  • Infarto, quando si presenta e come intervenire

I più letti della settimana

  • Travolta da un'onda e sbattuta contro lo scoglio: Sofia muore a 22 anni

  • Don Matteo torna a Spoleto e gli albergatori chiedono il conto al Comune

  • Perugia, trovato morto in casa con la gola tagliata: indagini in corso

  • Umbria, trovato cadavere in un campo: indaga la polizia scientifica

  • Magione, incidente stradale tra tre auto a Montebuono: due feriti

  • La favola di Ferragosto: mamma Cristina e il piccolo Lorenzo più forti delle complicazioni

Torna su
PerugiaToday è in caricamento